Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Il numero dei vigili di quartiere sarà potenziato: approvata la mozione della Lega

«Oggi vincono quei tanti cittadini che si sono stancati di vivere in quartieri con sempre meno sicurezza, meno legalità e meno decoro. Oggi vince il Corpo di Polizia Municipale, che viene valorizzato consentendogli di sviluppare in pieno le sue funzioni» commentano il capogruppo Marco Ausili e i consiglieri Antonella Andreoli e Maria Grazia De Angelis

Vigili urbani
Vigili urbani

ANCONA- Con 28 voti favorevoli la mozione del Gruppo consiliare della Lega che richiedeva il potenziamento del numero dei Vigili di Quartiere nel territorio comunale è stata approvata.

«Evidentemente abbiamo difeso bene le nostre idee, abbiamo presentato la nostra proposta con determinazione. Evidentemente le nostre motivazioni sono state ritenute di buonsenso. Questo è il nostro interesse: difendere con buonsenso, impegno e concretezza le esigenze dei cittadini- commentano il capogruppo Marco Ausili e i consiglieri Antonella Andreoli e Maria Grazia De Angelis-. Oggi vincono quei tanti cittadini che si sono stancati di vivere in quartieri con sempre meno sicurezza, meno legalità e meno decoro. Oggi vince il Corpo di Polizia Municipale, che viene valorizzato consentendogli di sviluppare in pieno le sue funzioni. Speriamo che questo risultato sia il punto di partenza per far cambiare a questa Amministrazione il concetto di Polizia Locale, che negli ultimi anni è stato usato più che altro per multe, quando invece, secondo noi, può fare tanto per arginare disagio sociale e microcriminalità. Ora nostro compito sarà quello di controllare la reale realizzazione di quanto votato oggi, ovvero aumento immediato dei Vigili di Quartiere».

La mozione è stata votata favorevolmente sia dalla maggioranza che dall’opposizone. «Condivido la mozione. Possiamo utilizzare il termine vigile di quartiere però dobbiamo ragionare insieme un’operatività diversa» dichiara il sindaco Valeria Mancinelli. Secondo il capogruppo di Fratelli D’Italia Carlo Ciccioli, «il vigile di quartiere è una figura fondamentale per il controllo del territorio». «Il Vigile di quartiere non deve essere visto come un carabiniere o un poliziotto. È un punto di riferimento, una figura amica» afferma il consigliere del Pd, Massimo Mandarano.