ATTUALITÀ

Vertenza Whirlpool: muro contro muro con il Governo. Due ore di sciopero

Anche l’incontro che si è tenuto oggi, martedì 15 ottobre, a Palazzo Chigi, con i vertici italiani della multinazionale americana, si è concluso dopo neppure un’ora e con nessuna notizia positiva. Immediata la risposta dei sindacati che hanno proclamato per oggi due ore di astensione dal lavoro a fine turno

economia

Vertenza Whirlpool: due settimane di agitazione. Manifestazione a Roma il 4 ottobre

Le iniziative messe in campo da Fim, Fiom e Uilm, dopo l’avvio della procedura di cessione da parte della multinazionale dello stabilimento di Napoli a Passive Refrigeration Solutions S.A. Per i sindacati: «Tutto ciò sta avvenendo in aperta violazione dell’accordo dell’ottobre 2018». Crescono i timori per le attività del gruppo a Fabriano e Comunanza

OCCUPAZIONE

Whirlpool: sede impiegatizia di Fabriano, le Rsu chiedono garanzie

Sono circa 50 le posizioni trasferite in Polonia con conseguente difficoltà per i colletti bianchi che hanno due opzioni: accettare la mobilità volontaria o riqualificarsi e, di conseguenza, essere a rischio trasferimento. Si chiede che al Mise si affronti anche questo argomento

PRIMO PIANO

Vertenza Whirlpool: duro affondo di Di Maio che chiede il rispetto degli impegni

I toni sono stati molto accessi con il ministro molto duro, come raccontano i rumor provenienti al termine della riunione di questo pomeriggio al Mise. Al centro del contendere la volontà di procedere alla riconversione e cessione a terzi dello stabilimento di Napoli dove sono impiegati 420 operai e dove si producono lavatrici a piattaforma Omnia

PRIMO PIANO

Occupazione, tavolo territoriale tra Whirlpool e sindacati

«L’azienda non può puntare solo sul taglio dei costi, ma deve valorizzare le professionalità. Fabriano resti centrale nella strategia della multinazionale». Questa la forte presa di posizione dei sindacati di categoria Fiom-Fim-Uilm

aziende e occupazione

Vertenza JP Industries, nulla di fatto al Mise

I sindacati di categoria esprimono forte preoccupazione per l’avvicinarsi del primo gennaio 2019, quando cioè non si potrà più fare ricorso alla cassa integrazione. Il nodo da sciogliere è sempre lo stesso: la mancanza di liquidità per dar corso al piano industriale

PRIMO PIANO

La Tecnowind di Fabriano è ufficialmente fallita

A dichiararlo, il Tribunale di Ancona con sentenza del 15 febbraio scorso e resa nota in questi minuti. Una nuova ecatombe occupazionale. Coinvolti circa 245 operai che, quindi, non hanno più un posto di lavoro

OCCUPAZIONE

L’appello dei sindacati per la JP Industries di Fabriano

«Irresponsabile il mancato finanziamento del piano industriale della JP Industries di Fabriano. La politica ai massimi livelli intervenga per risolvere il problema del credito necessario a dare vita ad un progetto che riguarda centinaia di posti di lavoro»

il cordoglio

Fabriano in lutto per la scomparsa di Angelo Colonna

Il 50enne fabrianese è deceduto questa mattina, 19 dicembre, intorno alle 12 all’Hospice dell’ospedale Engles Profili. Era stato colpito da una malattia che, purtroppo, non perdona e in meno di un anno, nonostante un delicato intervento, non ce l’ha fatta

il confronto

Vertenza Tecnowind: dietrofront dei potenziali due acquirenti

A ben leggere la nota stampa diffusa dalle parti sociali, è scritto a chiare lettere che anche le due ultime speranze di vendita dell’intero perimetro industriale sono andate in fumo. Sarebbero interessati solo allo stabilimento in Cina

occupazione

Vertenza Tecnowind, domani riparte la trattativa sindacale

I sindacati e l’azienda produttrice di cappe aspiranti si ritroveranno domani, 13 novembre alle 12, nella sede di Confindustria Ancona. Nel pomeriggio di domani si sarebbe dovuto svolgere anche un summit sindacale alla JP, ma è slittato al 14 dicembre

lavoro

Vertenza Tecnowind: domani si apre la mobilità per 140 tute blu

I sindacati chiedono un intervento serio da parte di tutte le istituzioni. Ancora sul tavolo l’opzione vendita con due soggetti, uno industriale e l’altro finanziario, che potrebbero essere interessati all’acquisto dell’intero perimetro industriale

OCCUPAZIONE

Accordo in Elica, le mosse dei sindacati

Le parti sociali hanno comunicato all’azienda fabrianese e a Confindustria, l’esito della consultazione referendaria. Ridotte da otto a sei le ore lavorative per circa 470 dipendenti. Da subito parte l’azione di monitoraggio

la vertenza

Elica: i lavoratori approvano l’accordo a stragrande maggioranza

Il risultato del referendum fra i lavoratori ha visto prevalere i “si” con 456 voti. Scendono gli esuberi, sale l’incentivo volontario all’esodo, confermata la riduzione dell’orario di lavoro da otto a sei ore per circa 470 dipendenti della multinazionale fabrianese