cronaca

Claudio Pinti condannato a 16 anni e 8 mesi

Ad Ancona la sentenza per l’autotrasportatore di Montecarotto accusato dell’omicidio della ex compagna, deceduta per complicanze legate all’Aids e di lesioni gravissime nei confronti di un’altra donna. L’uomo era presente in aula

primo piano

Claudio Pinti: udienza rinviata per legittimo impedimento

Si sarebbe dovuta tenere oggi al Tribunale di Ancona ma è stata fissata al 14 marzo la seconda udienza del processo all’untore dell’hiv. La decisione del Gup Paola Moscaroli è arrivata poco fa in seguito all’impossibilità dell’uomo di prendervi parte a causa delle condizioni di salute

attualità

Claudio Pinti, il Pm chiede 18 anni per l’untore dell’Hiv

È la richiesta del Pm davanti al Gup Paola Moscaroli nella prima udienza del processo nei confronti dell’autotrasportatore di Montecarotto che deve rispondere dell’omicidio della ex compagna e di lesioni gravissime nei confronti di un’altra donna. L’uomo non era presente in aula

primo piano

Claudio Pinti, oggi il giorno del processo all’untore dell’Hiv

Questa mattina nel tribunale di Ancona il rito abbreviato nei confronti dell’autotrasportatore di Montecarotto che deve rispondere dell’omicidio della ex compagna e di lesioni gravissime nei confronti di un’altra donna. L’uomo non è presente in aula

il caso

Claudio Pinti ha lasciato il carcere di Montacuto

Il presunto untore dell’Hiv è stato trasferito al penitenziario di Rebibbia dove c’è una apposita sezione per detenuti sieropositivi. Il gip che aveva rigettato l’istanza di scarcerazione presentata dal suo avvocato aveva indicato un trasferimento in una struttura carceraria più adatta alla sua condizione e l’amministrazione penitenziaria ha scelto il carcere romano

cronaca

‘Untore’ dell’Hiv, 10 donne chiamano la questura: «Siamo state contagiate»

Le telefonate sono arrivate in questi giorni. Le presunte vittime hanno già fatto il test che ha rivelato che sono sieropositive. Avrebbero conosciuto Claudio Pinti in chat. Arrivati gli esiti delle analisi sul 35enne accusato di lesioni personali gravissime e omicidio volontario. L’uomo sarebbe incompatibile con la permanenza in carcere

cronaca

‘Untore’ dell’Hiv, un infettivologo per individuare l’epoca del contagio

Lo ha nominato la Procura per stabilire quando Claudio Pinti è diventato sieropositivo e se il contagio alla ex fidanzata che lo ha denunciato e fatto arrestare sia avvenuto attraverso di lui. La difesa però ha bloccato tutto riservandosi di chiedere l’incidente probatorio. Domani il Riesame per la scarcerazione

il caso

‘Untore’ dell’Hiv, scena muta davanti al Gip

Claudio Pinti, finito in manette per aver fatto sesso non protetto nonostante sapesse di essere sieropositivo, si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di garanzia avvenuto oggi al carcere di Montacuto. Il suo avvocato ha chiesto gli arresti domiciliari