Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

La Megabox Vallefoglia comincia a parlare italiano

Tre innesti italiani per la squadra di Bonafede, la centrale Mancini ex Cbf Balducci Macerata, come la schiacciatrice Kosareva. Il terzo acquisto è Viola Tonello. Manca l’opposto titolare per completare il sestetto

La centrale Giulia Mancini neo acqusito della Megabox Vallefoglia
La centrale Giulia Mancini neo acqusito della Megabox Vallefoglia

VALLEFOGLIA – È in dirittura d’arrivo la chiusura del roster della Megabox Vallefoglia in vista del prossimo campionato di serie A1 Femminile. Dopo tanti acquisti stranieri il DS Babbi ha messo a segno negli ultimi giorni tutti colpi tutti made in Italy.

A Francesca Scola, palleggiatrice, e Giada Cecchetto, libero, si sono affiancate la schiacciatrice Kosareva e due centrali, Mancini e Tonello.

Queste ultime, insieme a Botezat si giocheranno un posto da titolare in diagonale a Sinead Jack.

Giulia Mancini classe ’98, è reduce dalla stagione alla Cbf Balducci Macerata con la quale ha vinto la Coppa Italia di serie A2. Torna in A1 dopo le esperienze di Cuneo e Filottrano. Le Marche quindi restano una costante nella carriera della centrale che a Cuneo aveva come tecnico Andrea Pistola, allenatore di Montemarciano.

Alexandra Botezat classe ’98 è rumena di origine ma italianissima. Reduce dall’esperienza a Brescia culminata con la retrocessione cerca riscatto con le biancoverdi.

Per Viola Tonello invece si tratta di un ritorno nel pesarese avendo giocato qualche anno fa a Pesaro. Nata a Genova, classe 94, è al debutto in massima serie dopo anni di alto livello in A2 tra Pesaro, Mondovì e Martignacco.

«Viola è un’atleta esperta – così la presenta il diesse Piero Babbi –, è all’esordio in A1, ma ha giocato la A2 a lungo e con squadre ambiziose, vincendo un campionato e giocando finali di Coppa Italia di categoria. L’anno scorso l’abbiamo incrociata a Martignacco e abbiamo visto quanto vale. Per lei questa stagione è l’occasione per testare il proprio valore in massima serie, noi crediamo in lei e siamo convinti che possa giocarsela».

Rinforzo anche in posto 4 con Dayana Kosareva, classe ’99, russa di origine ma italiana di passaporto. Schiacciatrice completa, dotata di buoni fondamentali sia di prima che di seconda linea, ha vissuto anche mezza stagione alla Cbf Balducci Macerata, esperienza non positiva e terminata anzitempo col passaggio a Scandicci. Reduce dall’annata a Casalmaggiore ha i crismi dell’atleta che ha ancora un margine di miglioramento. Coach Bonafede ha una buona freccia nella sua faretra.

Il pezzo forte ancora atteso è l’opposto titolare delle biancoverdi, un attaccante di riferimento per completare un sestetto già interessante. Sicuramente si parla di un profilo straniero avendo la quota italiana garantita con Scola, Cecchetto e una tra Mancini, Tonello e Botezat.