Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Lardini Filottrano, Schiavo: «Con il Conegliano non abbiamo nulla da perdere»

Le filottranesi di coach Filippo Schiavo saranno impegnate nella delicatissima trasferta nella tana del Conegliano campione in carica. Il trainer delle marchigiane: «Sappiamo di dover giocare al massimo, prendendoci dei rischi»

Paola Cardullo e Laura Partenio, Lardini Filottrano

FILOTTRANO- Servirebbe un miracolo ma spesso, nello sport, il copione non è quello prestabilito. Si affida alla cabala la Lardini Filottrano alla vigilia del difficilissimo impegno in trasferta con il Conegliano. La formazione avversaria, campionessa d’Italia in carica, è una delle formazioni più forti d’Europa e non ha certo bisogno di ulteriori presentazioni. Lo sa bene coach Filippo Schiavo che, tuttavia, ha cercato di esortare le sue ragazze all’impresa perchè nessuna squadra parte sconfitta prima di iniziare a giocare:

«Non abbiamo niente da perdere, sappiamo di dover giocare al massimo, prendendoci dei rischi per cercare di mettere pressione e provare a sfruttare eventuali passaggi a vuoto dei nostri avversari. Conegliano ha un roster “diverso” dalle altre squadre, formato da tante giocatrici dalla caratteristiche più varie.

In questa settimana ci siamo concentrati su di noi, sulle cose che dobbiamo fare e migliorare. La squadra ha voglia di fare, sa che è in momento nuovo, ci sono situazioni da provare e meccanismi da allenare. Al PalaVerde spero di vedere la Lardini del primo set con Novara, una squadra capace di tenere bene il campo contro una formazione di spessore che ha sì fatto un po’ di turnover, ma che nel momento di difficoltà ha dovuto mettere in campo Egonu. Sicuramente dobbiamo essere più continui per cercare di rimanere in partita, consci del fatto che abbiamo tante cose da sistemare. L’Imoco ci porrà di fronte a delle difficoltà, ci troveremo in situazioni in cui l’organizzazione dovrà lasciare spazio al talento individuale».

Si scenderà in campo domani sera alle 20.30 nell‘incontro che sarà diretto da Pecoraro e Gnani. Ex della gara la filottranese Vasilantonaki