Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

La Lardini attende Casalmaggiore e presenta Laura Partenio

Le filottranesi di coach Filippo Schiavo saranno di scena al Palabaldinelli contro la Pomì Casalmaggiore. Intanto è ufficiale l'ingaggio della schiacciatrice Laura Partenio, classe '91, dalla Saugella Team Monza

La Lardini stasera di scena con la Pomì Casalmaggiore

FILOTTRANO- Gente che parte, gente che arriva in casa Lardini Filottrano. Detto dell’addio dell’ormai ex capitano Chiara di Iulio la società filottranese ha annunciato l’arrivo di Laura Partenio, schiacciatrice classe 1991 di 182 cm.

Nata a Venezia arriva dalla Saugella Team Monza, dove ha iniziato la stagione. Entrata a far parte del Club Italia nel 2006, la neo giocatrice della Lardini ha debuttato appena 19enne in massima serie con la maglia della Liu Jo Modena (premiata come miglior under 20 del campionato 2010/11), dove ha giocato per due stagioni, lavorando con il coach della Lardini Filippo Schiavo, per poi passare nel campionato 2012/2013 alla Chateau d’Ax Urbino.

Nella successiva stagione ha militato nel Cannes, con cui ha vinto Coppa di Francia e scudetto, successi che hanno preceduto la Coppa Italia conquistata nel 2015 con l’Igor Gorgonzola Novara. Risarcimento Vicenza e Foppapedretti Bergamo le successive tappe della carriera che l’hanno portata nuovamente a Modena, stagione (la scorsa) nemmeno iniziata per diventare mamma di Nicole. La ripresa agonistica la scorsa estate con la maglia di Monza. Con l’azzurro dell’Italia ha conquistato la medaglia di bronzo all’Europeo under 18 del 2007 e quella d’oro all’Europeo under 19 del 2008, rassegna in cui ha ricevuto il premio di miglior attaccante. Con la nazionale maggiore, si è messa al collo la medaglia d’oro dei Giochi del Mediterraneo 2013.

Un buon rinforzo per una squadra che stasera, con inizio alle 20.30 al Palabaldinelli tornerà in campo con la Pomì Casalmaggiore. Queste le parole di coach Filippo Schiavo: «Eravamo in un periodo problematico già prima della partita di Brescia, lo siamo a maggior ragione ora che si sono aggiunti altri intoppi ma abbiamo l’obbligo di continuare a guardare avanti. È il momento della coesione, l’ho detto anche alla squadra, è il momento di far fronte comune in una fase difficile della stagione», acuita anche dalla partenza di Di Iulio.

«Viviamo una situazione complicata, considerate anche le tempistiche. La giocatrice ha esercitato un suo diritto e ognuno si prende le sue responsabilità. Ora lavoriamo sul mercato con il mirino su più obiettivi. Ciò non toglie che questa squadra può dare tanto, al di là di tutto. Siamo tutti importanti, ma nessuno è indispensabile».

Il calendario non agevola di certo il compito della Lardini: «Arriva un trittico di impegni arduo nel quale all’andata abbiamo raccolto solo un set. È evidente che dobbiamo metterci del nostro, a cominciare dalla gara contro un Casalmaggiore che come noi vive un periodo particolare e che avrà voglia di rivalsa dopo l’uscita dalla Coppa Italia e la sconfitta di domenica scorsa a Cuneo. Affronteremo una squadra fisica, che ha ottime attaccanti di palla alta, ma anche brave giocatrici di difesa. Che Lardini sarà? Una squadra in formazione inedita, che avrà bisogno di tempo per trovare gli automatismi e che dovrà avere pazienza, anche nell’accettare che qualcosa non venga. Ma sarà una squadra con la voglia di spingere e dimostrare che la nostra storia è ancora tutta da scrivere. Giochiamo in casa e mi piacerebbe che ci fosse una coesione generale. Non è facile chiedere il supporto del pubblico, ma questa non è una squadra che molla e la società sta lavorando più forte di prima sul mercato. Spero in un ennesimo attestato di stima, in questo momento ne abbiamo bisogno».