Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Volley, la CBF Balducci Macerata guarda avanti

Dopo aver chiuso una stagione straordinaria con la Coppa Italia in bacheca e la striscia di 14 vittorie consecutive, la società del Presidente Paolella lavora per il futuro.

Luca Paniconi, coach Cbf Balducci Macerata

MACERATA – La Coppa Italia alla CBF Balducci, la promozione in serie A1 alla Megabox Vallefoglia, lo scudetto di SuperLega alla Cucine Lube Civitanova Marche sono il ricco bottino della pallavolo marchigiana di serie A.

Nella serie A2 Femminile 2021-22 la formazione maceratese rischia di rimanere l’unica rappresentante marchigiana anche se i playoff di B1 potrebbero premiare la rincorsa della Battistelli Termoforgia Clementina 2020.

In casa arancionera si guarda al futuro e l’impressione è che le novità nel roster saranno molte.

Non in panchina però, dove siederà per la 3’ stagione di A2 consecutiva coach Luca Paniconi. Il lavoro del tecnico ha dato frutti importanti, a partire dal 1’ trofeo di serie A alzato a Rimini il 14 marzo, e ha dato una fisionomia molto precisa al gioco della squadra che poggia le sue fortune sulla correlazione muro-difesa.

La conferma del bravo tecnico ex Lardini non sembra in discussione in virtù anche dei rapporti di stima reciproca con i vertici della società. Insomma manca solo l’ufficialità che certifichi la prosecuzione del rapporto.

Il resto però è tutto da definire. Alcuni dei pezzi pregiatissimi del roster arancionero sembrano destinati a cambiare maglia. La polacca Lipska ha mercato in Italia ma soprattutto in patria. Difficile pensare di rivederla nella nostra serie A l’anno prossimo ma potrebbe essere solo un arrivederci. Persa la sua straniera e con un solo gettone non italiano da poter inserire nel roster, occorrerà meditare bene prima di scegliere il rimpiazzo.

Il primo capitolo di ogni libro di successo nell’allestimento di una squadra è sempre dedicato al palleggiatore. Nella stagione trascorsa, persa in corsa la titolare Lancellotti, capitan Peretti, ragazza nata e cresciuta in casa, ha dimostrato di poter stare a questo livello. La società sta riflettendo se promuoverla definitivamente e costruire la squadra intorno a lei. Diversamente le piste appetibili sono molte e giocare nella società maceratese, riconosciuta da tutto il panorama volleystico per l’affidabilità e il rispetto degli impegni presi, fa gola a molte atlete.

La serie A2 è prevista addirittura a 24 squadre con 2 gironi da 12 formazioni, Est e Ovest e formula analoga a quella della stagione scorsa nella quale delle 20 formazioni aventi diritto, ci furono poi 19 partecipanti mentre in A1 da 14 parteciparono in 13. Le promozioni di Roma e Vallefoglia e la retrocessione di Brescia sembra far portare i conti almeno in massima serie.

© riproduzione riservata