Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Superlega, comincia la finale scudetto per la Cucine Lube

Conto alla rovescia per gara 1 delle Finali Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca. Mercoledì 14 aprile al PalaBarton i biancorossi di Blengini sfideranno la Sir Safety Perugia

La finale scudetto pronta a partire

CIVITANOVA – È scattato il conto alla rovescia per gara 1 delle Finali Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca. Si gioca mercoledì 14 aprile al PalaBarton Perugia – Lube, alle ore 17.30, diretta Rai Sport, con la serie al meglio dei cinque incontri.

In casa Lube c’è consapevolezza dei propri mezzi e si lavora sodo con serenità senza perdere di vista la tabella di marcia. Ragione per cui i cucinieri si sono allenati per tutto il weekend all’Eurosuole Forum per preparare l’impegno che sarà bissato poi domenica a Civitanova.

Le squadre si sono incontrate anche nelle bolle di Champions con una vittoria ciascuno e dando vita sempre ad accesi testa a testa in tutte le competizioni. Nella resa dei conti di Supercoppa a Verona si sono imposti gli umbri 3-2, nella Finalissima di Coppa Italia a Bologna la Lube ha vinto 3-1, mentre in Regular Season Civitanova ha violato al tie-break il PalaBarton all’andata e Perugia ha espugnato al tie-break l’Eurosuole Forum al ritorno.

Due ex tesserati della Sir ora indossano la maglia della Cucine Lube Civitanova: il fuoriclasse della Nazionale argentina Luciano De Cecco (a Perugia dal 2014 al 2020) e Simone Anzani (che ha murato in maglia Sir nella stagione 2017/18). Nel team perugino, invece, militano il palleggiatore Dragan Travica, campione d’Italia con la Lube nel 2012, e Fabio Ricci, vincitore di un titolo nazionale nel 2013 con le giovanili della Lube. 

Le parole dei biancorossi

Per coach Blengini: «Il modo migliore di avvicinarci alle sfide con Perugia è vivere la quotidianità concentrandosi sul lavoro da fare per prepararsi nel modo migliore a una sfida dura contro una grande squadra. Di solito ragioniamo una partita per volta, ma la gara d’apertura di una serie dal punto di vista emotivo è molto importante, dà e toglie qualcosa»

Per il centrale Simone Anzani: «Entrambe le squadre hanno al centro un reparto completo. Solé sarà premiato come miglior giocatore delle Semifinali, ma in gruppo abbiamo uno dei migliori centrali del mondo, Robertlandy Simon. Anche noi italiani possiamo dire la nostra».

Per il capitano Osmany Juantorena: «Per me è l’ottava Finale Scudetto. L’età avanza, ma è bello arrivare fino in fondo e giocarsi le sfide decisive. Sono felice perché alla vigilia dei Play Off avevamo perso due giocatori importanti e c’era il rischio di un’eliminazione prematura contro Modena, ma il gruppo si è compattato, abbiamo saputo soffrire superando il turno. Anche in semifinale con Trento è andata bene ed eccoci ancora qui alla vigilia di una bellissima serie per lo Scudetto. Nulla era scontato, faccio i complimenti al team. Rispetto a quando giocavo a Trento la pallavolo è cambiata, in parte per la fisicità degli atleti, in parte per i palloni diversi, ma anche per il modo di intenderla. Sono più maturo e più consapevole. So godermi questi momenti perché comprendo il significato e il valore delle vittorie».