Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Volley, altra caduta per la Med Store Macerata a Portomaggiore

La compagine guidata da coach Adriano di Pinto ha evidenziato un calo di condizione tra il terzo e il quarto set che è costato il 3-1 in favore dei padroni di casa di coach Cruciani

Portomaggiore Macerata
Fasi di gioco della gara tra Portomaggiore e Macerata

PORTOMAGGIORE – Secondo KO nel campionato di Serie A3 per la Med Store Macerata che, dopo la sconfitta di Brugherio, torna a mani vuote anche dalla trasferta di Portomaggiore.

I padroni di casa si impongono con un perentorio 3-1 sfruttando, in particolar modo, la parte finale del match quando i maceratesi hanno evidenziato un pericoloso calo mentale e di condizione. La compagine di coach Adriano Di Pinto avrà modo di lavorare con più continuità e migliorare soprattutto sotto questi aspetti che sono risultati più che determinanti nelle prime uscite.

A nulla è servito il recupero in mezzo al campo di Margutti, a cui sono stati affiancati gli ispirati Snippe e Ferri. Le cose migliori la truppa ospite le ha fatte vedere nel secondo set quando il parziale di 17-25 lasciava ben presagire per il proseguo dell’incontro ma purtroppo le previsioni non si sono rivelate tali. Va comunque segnalata la generosità dei maceratesi che nel terzo e quarto set hanno fatto registrare i punteggi di 25-22 e 25-19 che lasciano ben sperare per il futuro soprattutto in termini di agonismo e carattere. L’imperativo è crescere sotto il piano della condizione, perchè al momento risulta quella la maggiore criticità.

PORTOMAGGIORE – MED STORE MACERATA 3-1

PARZIALI: 25-21, 17-25, 25-22, 25-19.

Durata set: 26’, 22’, 29’, 25’. Totale: 102’.

SA.MA. PORTOMAGGIORE: Nasari 14, Vanini 2, Masotti, Gabrielli, Zanni, Bragatto 2, Graziani 11, Benedicenti, Albergati 20, Ferrari 1, Quarta 12. NE: Ciccarelli. Allenatore: Cruciani.

MED STORE MACERATA: Snippe 9, Pasquali 1, Calonico 10, Pahor, Cordano, Margutti 12, Ferri 16, Monopoli 1, Sanfilippo 16, Princi, Gabbanelli. NE: Risina. Allenatore: Di Pinto.

ARBITRI: Clemente e Serafin.