Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Vela, la categoria Laser aumenta ancora i suoi numeri

La disciplina specifica ha fatto registrare un grande incremento nelle proprie iscrizioni. Sono tanti i nomi dei marchigiani da tenere d'occhio in vista degli appuntamenti fissati per i prossimi mesi

Da sx Terenzi, Silvestrini, Libri
Da sx Terenzi, Silvestrini, Libri. Alcuni dei pezzi pregiati del Laser marchigiano

ANCONA- Nel panorama della vela nazionale, la categoria Laser è sempre tra le più gettonate. Sono sempre in crescita i numeri degli appassionati e dei partecipanti alle varie regate che stanno mostrando il proprio gradimento. L’ultimo esempio può essere rilevato nel campionato zonale della classe Laser che ha visto scendere in acqua ben 59 velisti, record assoluto. L’aumento della quantità va di pari passo con quello qualitativo in quanto lo spettacolo fornito può essere catalogato tra i migliori degli ultimi anni.

Tra i Radial, sul taccuino bisogna segnarsi i nomi di Alessio Marinelli, Nicolas Privitera e Sofia Paradisi. Tutti e tre hanno saputo mostrare tutti i loro pregi, confermandosi tra i primissimi prodotti del panorama regionale. Molto bene anche gli altri marchigiani Alina Iuorio, Maria Giulia Cicchinè, Emanuele Nasini, Flavio Caterbetti, Tommaso Pigliacampo e Claudia Belletti. Tutti elementi pronti a compiere il grande salto a cavallo di fine 2020 e inizio 2021.

Spostando l’attenzione al 4.7 (altra categoria del Laser) i fari sono puntati su Filippo Vignola, Zaccaria Ippoliti (della Lega Navale di Ancona) e Swami Sciarra. Oltre a loro occhio anche ad Andrej Casaccia e Cecilia Belletti. Naturalmente non può mancare nel novero dei migliori Edoardo Libri, cresciuto ad Ancona ma ora in forza al Club Vela Portocivitanova. Così come vanno menzionati Rodolfo Silvestrini, Matteo Terenzi e Daniele Regolo.

Un altro appuntamento indicativo per il Laser sarà il Campionato Italiano Juniores in cui le Marche parteciperanno con tantissimi alfieri. L’obiettivo è un’ulteriore crescita della disciplina che, già da oggi, può annoverarsi tra le più praticate di tutti gli sport acquatici.