Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Cucine Lube, Zaytsev lavora duramente in palestra per recuperare

Prosegue il lavoro dell’opposto della squadra che freme per bruciare le tappe e ristabilirsi dopo l’operazione al ginocchio: «Sono sereno, la Cucine Lube ha gestito tutto in modo esemplare»

La presidente Simona Sileoni con Ivan Zaytzev, Fabio Giulianelli e il DG Beppe Cormio

CIVITANOVA – C’è un grande assente giustificato nel pre-campionato dei cucinieri. Uno dei neo acquisti, tra i più attesi, l’opposto Ivan Zaytzev, sta facendo tutto il possibile per recuperare la forma nei tempi previsti. Dall’intervento chirurgico in artroscopia al ginocchio destro è trascorso poco più di un mese e i progressi stanno sorprendendo lo staff tecnico della Cucine Lube Civitanova.

Lo “zar” ha intrapreso il sentiero giusto e si applica dando il massimo, a fari spenti e a testa bassa. L’abnegazione per il lavoro, così come l’atteggiamento volitivo dimostrato fino a questo momento e la voglia di tornare protagonista quanto prima ai suoi livelli alimentano un cauto ma crescente ottimismo nel Club.

«In questa fase riabilitativa – spiega l’opposto biancorosso – c’è un volume dinamico di esercizi con graduale aumento della difficoltà per sollecitare la gamba. Parliamo di 6 o 7 ore quotidiane in palestra. Intorno a me percepisco energie positive e trapela ottimismo, ma fissare un termine preciso di rientro non è possibile, la speranza è di farcela tra due mesi. Il mio innato “masochismo” mi porta a sgobbare con il sorriso sulle labbra anche nei momenti più duri. Mi piace darci dentro e questa è una buona occasione visto che devo ricostruire la fascia muscolare della gamba. Sto lavorando con serenità anche grazie al supporto di dirigenza, staff e gruppo squadra della Cucine Lube. Sono felice e fiducioso di recuperare bene perché la mia situazione è stata gestita in modo esemplare dal Club».

L’attaccante dei cucinieri è consapevole di avere davanti ancora ostacoli e insidie, ma il supporto costante del preparatore Max Merazzi lo mette in condizione di avere stabilità e controllo. «Siamo nel cuore di una delle due settimane di lavoro intenso – continua Ivan -. Abbiamo alzato notevolmente i carichi di lavoro. A metà ottobre ci sarà un check di routine a Villa Stuart dal professor Mariani. Se tutto filerà liscio, poi mi dedicherò a esercizi più esplosivi. Come sempre cerco di dare tutto me stesso e questo è un po’ il mio marchio di fabbrica. Non mi piace lasciare nulla al caso e curo bene anche l’alimentazione durante il recupero da un infortunio così cercando di tenere il focus al massimo».

Intanto i compagni di squadra hanno effettuato un allenamento congiunto all’Eurosuole Forum di Civitanova M. con la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia giovedì (risultato 2-2) e stasera l’appuntamento sarà replicato alle 18 a porte chiuse. Contro la squadra di Valerio Baldovin, sono a disposizione anche i nazionali Simone Anzani e Fabio Balaso, che si sono aggregati in pianta stabile al gruppo dopo la vittoria del trofeo continentale in azzurro e dopo una parentesi a mezzo servizio per recuperare le energie.