Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Superlega, la Cucine Lube comincia dalla trasferta più lunga

Esordio a Taranto, in casa degli ex Di Pinto e Falaschi, poi doppio turno casalingo contro Padova e Modena. Ecco il calendario dei Campioni d’Italia

La Cucine Lube si prepara alla nuova SuperLega

CIVITANOVA – Ufficiale il calendario della prossima stagione di Superlega. La caccia al tricolore dei campioni d’Italia della Cucine Lube si aprirà ufficialmente il 2 ottobre con la trasferta in Puglia sul campo di Taranto. Sarà la trasferta più lunga della stagione di campionato e i cucinieri la affronteranno subito.

I biancorossi di Blengini esordiranno in casa il 9 ottobre contro Padova quindi per Bottolo e Gottardo sarà subito sfida del cuore mentre la settimana successiva ospiteranno Modena che poi sarà avveraria anche in Coppa Italia.

Le big arriveranno più avanti, giusto il tempo di rodarsi bene ed entrare nel vivo della stagione.

L’attesa trasferta a Piacenza degli ex Simon e Lucarelli è prevista il 27 novembre contro una delle formazioni che si è più rinforzata grazie all’arrivo dei due big che hanno contribuito a confermare il tricolore a Civitanova. Il ritorno all’Eurosuole Forum è il 19 febbraio una settimana prima delle Finali di Coppa Italia dove potrebbero trovarsi di nuovo di fronte.

A Civitanova è attesa Perugia per l’11 dicembre, ultima di andata. Ultima di regular season il 12 marzo 2023 a Perugia prima dei playoff che si chiuderanno al massimo il 14 maggio

La Cucine Lube sarà in viaggio il giorno di Natale per la trasferta del 26 a Padova.

A Bologna la Cucine Lube Civitanova ha ritirato lo stendardo dello scudetto 2022.

La nuova formula promette scintille. Le due finaliste degli spareggi Scudetto accederanno alla CEV Champions League. Stessa sorte per la vincitrice della finale per il terzo posto, mentre la perdente della finalina’ andrà in CEV Cup. Confermati i playoff quinto posto con in palio il pass per la Challenge Cup.

Si parte allineati ma lo scudetto cucito sul petto, ancora una volta, ce l’hanno solo gli uomini di Blengini!