Continuano gli incentivi Citroen
Continuano gli incentivi Citroen
Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Volley, la Pieralisi riparte da Sabbatini

Direzione tecnica di prima squadra e Scuola Federale di pallavolo confermate in capo all'allenatore in rossoblù dal 2010. Lo annuncia il presidente Gabriele Pieralisi che dice: «Giovani alla base del progetto, usciamo dal consorzio VTA con Filottrano»

La Pieralisi Volley Pan si ricarica
Ancora Luciano Sabbatini al centro del progetto Pieralisi.

JESI – La Pieralisi Volley riparte da Luciano Sabbatini. A lui, in rossoblù dal 2010, la conferma della direzione tecnica della prima squadra e della Scuola Federale di Pallavolo del sodalizio di via Ancona. L’annuncio, al sito ufficiale della società jesina, lo dà il presidente del Gruppo Sportivo, Gabriele Pieralisi. Il primo passo della nuova avventura, dopo che l’ultima si è chiusa con lo stop nella semifinale playoff del campionato di B2, al cospetto dell’Imoco San Donà, poi salita in B1.

«Ripartiamo dal progetto giovani, anche in prima squadra- spiega Pieralisi- guardiamo alle atlete che hanno voglia di imparare e lavorare, la squadra di serie B2 è il punto di arrivo delle nostre under che stanno crescendo nella Scuola Pallavolo. La direzione tecnica è affidata a Luciano Sabbatini, tecnico e persona che come poche sa dedicarsi alla crescita delle giovani. Con lui siamo già al lavoro per individuare le atlete adatte al progetto che abbiamo in testa. Svolgeremo a breve dei test in questo senso e lavoreremo anche per creare delle sinergie sul territorio».

Il Gruppo Sportivo Pieralisi ricorda che in questi anni nella categoria Under 18 sono arrivati quattro titoli regionali, una fase interregionale e tre finali nazionali, nella categoria Under 16 due titoli regionali e due finali nazionali.

Gabriele Pieralisi annuncia inoltre l’addio di Jesi al progetto VTA, lanciato nell’ultima stagione legando fra loro i vivai rossoblù, di Filottrano e di Agugliano- Polverigi. «Usciamo dal consorzio– dice Pieralisi– l’impostazione del lavoro non rispecchia la nostra filosofia e sono sempre più convinto che le scelte vanno condivise e non imposte».