Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Serie B, Rugby Jesi ’70 alla pausa di fine anno. Santini: «Le basi ci sono tutte, il 2022 porterà la vittoria»

Stop in casa della vice capolista Florentia nell’ultimo turno, la ripresa il 16 gennaio contro Imola. Parla il pilone: «Sapevamo sarebbe stata una stagione di ripresa ma il gruppo è solido e le qualità dei giovani non mancano»

Una immagine del Rugby Jesi in gioco fra le mura amiche

JESI – «Dopo una sconfitta, trovare spunti per essere soddisfatti è sempre difficile. Ma a noi non sono mancati. Le buone basi ci sono, col nuovo anno cercheremo, e sono certo troveremo, il ritorno alla vittoria». Parola di Enrico Santini, pilone destro del Rugby Jesi ’70 che domenica scorsa ha chiuso il suo 2021 agonistico con lo stop, 60-7, sul campo toscano della vice capolista Florentia. Con la settima giornata, va simbolicamente in archivio una prima parte di campionato senza successi per le Seniores jesina: la ripresa del torneo di Serie B il 16 gennaio prossimo, in casa, contro Imola.

«Sapevamo che per noi questa sarebbe stata una stagione zero, di ripresa dopo la pandemia- spiega Santini- un torneo che ci deve servire per ripartire e per capire quali basi ci hanno lasciato gli ultimi due anni. Siamo un gruppo che inevitabilmente dopo il lungo stop ha perso qualcosa in termini di numeri. Ma anche un gruppo solido, con diversi giovani all’altezza e già saliti in prima squadra dalla Under 19». Analizza Santini: «Squadre che potevano e possono contare su un bacino più ampio, stanno accusando meno le difficoltà, come era immaginabile. Ma noi stiamo mostrando di avere dalla nostra dei buoni punti di partenza. Il nuovo allenatore Greco ha portato anche nuovi metodi di lavoro ed è un arricchimento in più. Ad oggi ci è mancato il risultato. Ma perché arrivi, presto, c’è tutto».

Ritrovare finalmente il rugby giocato permette comunque di chiudere un anno complicato con fiducia. «La pandemia ci ha tolto a lungo il confronto con l’avversario. Anche se come gruppo, nel rispetto di regole e limiti, siamo sempre rimasti presenti e abbiamo continuato a allenarci come possibile. Riprendere a giocare e sperimentare di nuovo il confronto agonistico è stato emozionante, tanto più per chi, come me, sa per motivi anagrafici che non ha ancora tante stagioni davanti. Ma lo è stato anche per i giovani, che hanno avuto finalmente la possibilità di confrontarsi con la realtà della Serie B. Per loro, una occasione di crescita importante».

Nello scorso fine settimana, oltre allo stop della Seniores e al riposo della Under 19, da segnalare i successi di Under 17 e Under 15: la prima ha superato a Jesi il Peugia per 55-12, per la seconda vittorie su Fano per 12-38 e Ancona per 10-24.