Senigallia, la marcia dell’Audax 1970 in Coppa Marche inizia con una sconfitta

Il Cerreto d'Esi arriva in via Cellini e torna a casa con tre punti dopo un perentorio 6-2. Il tecnico giallorosso Petrolati: «risultato bugiardo ma dobbiamo ancora migliorare in alcuni aspetti»

Diego Petrolati
Diego Petrolati

SENIGALLIA – Inizia con una sconfitta la nuova stagione sportiva 2018/2019 dell’Audax 1970 Sant’Angelo. La formazione senigalliese guidata da Diego Petrolati ha infatti perso la prima partita di Coppa Marche, l’andata dei 32esimi di finale, contro un tenace Cerreto d’Esi.

Il risultato tennistico, 2-6 per gli ospiti, «è in realtà bugiardo – spiega il mister dei giallorossi – perché in realtà i miei ragazzi hanno lottato e fatto vedere buone cose, tanto che il primo tempo è finito 2-3».

Sono proprio i senigalliesi a passare in vantaggio con Vittorio Capomagi; poi il Cerreto d’Esi C5 si riappropria del campo portandosi sull’1-3. Prima del riposo c’è tempo per il goal di Carlo Conti che accorcia le distanze.

Ma è nel secondo tempo che c’è stato un calo di concentrazione e gli ospiti ne hanno subito approfittato. «Sono stati cinici e bravi a concretizzare ogni occasione che si è presentata loro – continua il tecnico dell’Audax complimentandosi con gli avversari – mentre noi dal canto nostro non siamo stati altrettanto bravi. Sicuramente possiamo fare di meglio, ma il nostro obiettivo principale resta la salvezza in serie C1».

«Abbiamo una squadra giovane – conclude Petrolati – che deve fare ancora esperienza: il divario d’età ieri era dell’ordine di 15-20 anni e questo significa che dovremo migliorare ancora nell’atteggiamento, nella concentrazione, per non abbatterci quando subiamo un goal. Sappiamo però di avere tutte le carte in regola per un buon campionato e, anche se non sarà semplice, per raggiungere l’obiettivo che la società Audax 1970 Sant’Angelo si è prefissata».