Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Samb, il DS Fusco: «Sfruttare la pausa per recuperare infortunati, energie fisiche e mentali»

La LegaPro ha comunicato il rinvio delle prossime due gare, la prima delle quali relativa al turno infrasettimanale. Si tornerà a giocare solo l’8 marzo in casa con il Padova

Il DS della Sambenedettese Pietro Fusco

Dopo il rinvio della gara di Piacenza che in un momento di grande difficoltà come quello che sta affrontando la truppa di mister Montero, poteva essere certamente un banco di prova importantissimo, arriva lo stop di altre due gare imposto dalla LegaPro per l’emergenza Coronavirus.

La gara che si doveva disputare domenica scorsa a Piacenza è stata rinviata a mercoledì 11 marzo, quella con il Cesena prevista per l’infrasettimanale di mercoledì, per mercoledì 18 marzo e l’ultima, quella in programma domenica prossima a Verona con la Virtus, martedì 14 aprile. Da stabilire ancora però, l’orario delle gare. Prima gara utile così, diventerà l’incontro casalingo dell’8 marzo con il Padova, contro un avversario temibilissimo.

Se da una parte questa lunga pausa può consentire ai rossoblù un periodo per riordinare le idee e concentrarsi a fondo sugli errori commessi nelle ultime gare, dall’altra impone uno stop forzato che in un momento cruciale della stagione certo non ci voleva.

Sarà compito di Montero tenere alta la concentrazione e far lavorare ancora a fondo, proprio come piace a lui, tutti i ragazzi.

Il DS Pietro Fusco commenta così l’attuale momento della Samb: ≪stare troppo tempo senza gare ufficiali, non fa mai bene, ma la salute viene prima di tutto e quindi reputo la decisione di fermarsi opportuna. Sarà però dura disputare sette partite in ventuno giorni, compreso i recuperi. Ma come lo sarà per noi, lo sarà anche per le altre squadre e quindi poco cambia. Inoltre Montero e il suo staff hanno già preparato un nuovo programma per gli allenamenti e si proverà a sfruttare questi giorni senza gare per recuperare al meglio i calciatori infortunati e le forze fisiche e mentali di tutti, in vista di questo impegnativo rush finale≫. L’ipotesi porte chiuse, continua il DS, ≪è un’opzione che potrebbe venir presa in considerazione dagli organi competenti nella misura in cui questa situazione dovesse continuare, ma speriamo proprio di no. Certo giocare senza tifosi non sarebbe la stessa cosa, in quanto sono il sale di ogni sport. Una decisione che tenga conto sia dell’incolumità delle persone che del regolare svolgimento del campionato, va comunque presa≫ .