Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

D’Angelo: «Sono venuto alla Samb per vincere. Fa piacere la fiducia della società»

Il centrocampista rossoblù traccia un primo bilancio della sua esperienza alla Samb e del percorso compiuto dalla sua squadra, in attesa dell’inizio del ritorno e della chiusura del mercato

Con la Samb che si appresta ad iniziare il girone di ritorno con la gara casalinga con il Carpi, è il centrocampista Angelo D’Angelo, valore aggiunto in questa stagione per la Samb, a fare il punto della situazione in casa rossoblù, tracciando anche un bilancio dell’andata: «Dal punto di vista del gioco espresso, penso che potevamo avere almeno 3 punti in più. Credo comunque che la classifica attuale rispecchi i valori espressi dalle formazioni del nostro girone sino ad ora. La nostra squadra ha tanti volti nuovi e molti ragazzi non parlano ancora bene l’italiano, è normale in questi casi partire un po’ a rilento, ma questa non è una giustificazione. È l’atteggiamento che conta quando si scende in campo e penso che dalla prossima gara sarà davvero un altro campionato. Le squadre in coda hanno il “coltello tra i denti” ed hanno iniziato a fare punti; l’importante è centrare i Play-Off, poi ce la andremo a giocare. Per quanto riguarda la mia posizione in campo, io sono una mezz’ala di inserimento e nel nostro caso, supportare attaccanti di questo genere è naturalmente più dispendioso, ma se questo porta alla vittoria, ben venga. Sono qui per vincere. Oltre alla piazza che mi ha impressionato da sempre, sono venuto a San Benedetto per fare grandi cose».

Il centrocampista rossoblù Angelo D’Angelo

Per quanto riguarda il mercato, prosegue il jolly della Samb:«questa fase comunque destabilizza un po’ il gruppo e tutti gli allenatori vorrebbero che si chiudesse il prima possibile. È normale che la società debba fare delle scelte, poi con l’esperienza il momento del mercato si sente sempre meno. Io e la mia famiglia stiamo benissimo a San Benedetto. Certo mi piacerebbe giocare di più. Purtroppo dopo l’infortunio al braccio di inizio stagione ho saltato il ritiro, e nonostante tutto ho fatto 2 gol da 6 punti che mi hanno dato grande gioia. Se la gente vuol vedere il vero D’angelo, D’Angelo deve giocare, una-due-tre gare, poi se è scarso va fuori. Sono contento della vicinanza del presidente, del vecchio e del nuovo direttore mi fanno davvero molto piacere, così come quelli della Casertana, mia ex squadra. Se un giocatore va via ed un presidente ti vuole riprendere, vuol dire che qualcosa di importante l’hai lasciato. L’unica cosa che so, è che per far sì che si possa dare quel qualcosa in più in campo occorre essere apprezzati, e la fiducia della società nei miei confronti c’è sempre stata».    

Samb dunque impegnata con il Carpi domenica alle ore 15:00 al “Riviera delle Palme”. Gli emiliani, dopo essere partiti molto bene, hanno perso pian piano lo smalto e proprio in settimana hanno esonerato il tecnico Sandro Pochesci dopo la sconfitta nel turno infrasettimanale con il Matelica. Al suo posto, Luciano Foschi, nella passata stagione sulla panchina del Ravenna.