Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Ristopro Fabriano, coach Pansa: «Con San Severo, una partita da sbucciarsi gomiti e ginocchia»

Basket serie A2: sfida tra due squadre a zero punti domani (domenica 17 ottobre) al PalaBaldinelli di Osimo (ore 18). Per entrambe è caccia aperta al primo successo stagionale

La Ristopro Fabriano Basket domenica scorsa a Forlì (foto di Marco Teatini)

FABRIANO – «Sarà una di quelle partite da sbucciarsi i gomiti e le ginocchia per portare a casa i primi due punti». Dice coach Lorenzo Pansa, allenatore della Ristopro Fabriano, alla vigilia del match interno con la Allianz Pazienza San Severo. Alla terza giornata, infatti, entrambe le squadre sono in cerca del primo successo.

«Mi aspetto una partita molto dura e ruvida – prosegue il nocchiere fabrianese. – Noi veniamo dai progressi dimostrati a Forlì, ma dobbiamo ancora migliorare molto e fare attenzione alla costanza di rendimento durante i 40 minuti, alla qualità di esecuzione in attacco, ad avere maggior cinismo quando siamo punto a punto… Insomma, in tante cose, ma la strada intrapresa è quella giusta e domani faremo di tutto per portare a casa i primi due punti stagionali».

Di fronte ci sarà la San Severo di coach Luca Bechi, che potremmo definire “dei marchigiani” (il sangiorgese Tortù, lo jesino Moretti, l’anconetano Serpilli), desiderosa di fare altrettanto, dopo i ko iniziali con Scafati e Chiusi.

San Severo e Fabriano già si sono affrontate in questa stagione, in SuperCoppa il 16 settembre (successo dei pugliesi 84-72). «Ma, da allora, entrambe le squadre sono diverse dopo un mese di ulteriore lavoro in palestra – dice coach Pansa. – Loro sono una formazione di intensità difensiva, che in attacco si affida al talento di Sabin il quale è bravo a produrre sia per se stesso ma anche per la squadra».

Si gioca domani, domenica 17 ottobre, al PalaBaldinelli di Osimo alle ore 18. Partita trasmessa in diretta sulla piattaforma a pagamento Lnp Pass. Arbitreranno l’incontro i signori Marco Catani di Pescara, Andrea Agostino Chersicla di Oggiono (Lc) e Daniele Calella di Bologna.

Exit mobile version