Banco Marchigiano Risparmiolandia
Banco Marchigiano Risparmiolandia
Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Harley Davidson Route 76
Harley Davidson Route 76

Pallavolo, la Nova Volley Loreto ha reso omaggio a Paco Nobili

Lo schiacciatore e storico capitano ha chiuso col volley giocato. I dirigenti neroverdi hanno ritirato la maglia numero 18. Festeggiato anche Romano Giannini, ex Loreto, campione d’Italia con la Lube

Il momento del ritiro della maglia n.18 di Paco Nobili

LORETO – In una cornice di pubblico notevole la Nova Volley Loreto ha aperto ufficialmente la stagione sportiva 22/23, presentando tutti gli atleti, dai piccolini del gruppo S3 a tutti i gruppi maschili e femminili per un totale di 160 giovani già tesserati.

Cresce il movimento della pallavolo loretana che ha come vertice la formazione di serie B maschile allenata dall’ex nazionale Leondino Giombini ma non dimentica i suoi campioni fatti in casa.

È per questo che la società del presidente Massaccesi ha deciso che il numero 18 che ha caratterizzato la carriera dello schiacciatore Paco Nobili, capitano fin dalla nascita della prima squadra maschile società, loretano doc, non dovesse più essere assegnato. Quindi, nel corso della presentazione della stagione sportiva la maglia numero 18 è stata ritirata. Visibilmente emozionato essendo una sorpresa per lui, l’ormai ex schiacciatore ha detto poche parole: «Ringrazio davvero tutti, la società e il presidente, per me non è facile smettere ma questa è una grande famiglia dalla quale ho avuto tanto e alla quale cercherò di dare ancora qualcosa contribuendo alla sua crescita anche se non più direttamente in campo».

Il ringraziamento è avvenuto anche da parte della società. «Il tuo esempio – ha detto il presidente Massaccesi che con il vice presidente Sturba gli hanno ufficialmente consegnato la maglia – sia di monito per tutti gli atleti che con passione, impegno, attaccamento alla maglia si può fare un bellissimo cammino insieme in una società nella quale la riconoscenza è ancora un valore». A proposito di gratitudine anche a Romano Giannini, ospite d’onore della serata, ex allenatore neroverde e ora viceallenatore campione d’Italia con la Cucine Lube, è stata consegnata una targa ricordo per le stagioni sportive felici passate insieme.

Nel corso della serata c’è stata la presentazione del progetto tecnico sia per il settore maschile che femminile con tanti applausi e sorrisi alla presentazione per tutti i gruppi, dai piccolini del gruppo S3 che si divertono con gli allenatori Francesca Brutti, Margherita Marini, Salvatore Cozzolino e Maria Sole Pepi, la U13F di Luca Martinelli, i gruppi maschili U13-15-17 1’ Divisione guidati dal DT Marco Paolini e Luca Martinelli, i gruppi femminili U16 e 2’ Divisione allenati da Beatrice Rapari, la 1’ Divisione Femminile allenata dalla coordinatrice del settore femminile Simona Battistini che nella stagione 2009/10 giocò a Loreto in serie A2, la serie D maschile di coach Paolo Calamante e infine la rinnovata e ringiovanita serie B maschile allenata da coach Leondino Giombini.

Nel suo messaggio di saluto alle famiglie sponsor e istituzioni, il presidente Massaccesi non ha nascosto le difficoltà economiche che la società vive per far fronte ai costi per energia e riscaldamento che peseranno decisamente sul bilancio sottolineando l’impegno degli sponsor che restano accanto nonostante le loro inevitabili criticità visto il momento storico, il Comune di Loreto, la Fondazione Opere Laiche e le istituzioni. Presenti il presidente del Comitato Territoriale Ancona della Fipav Francesco Leoni, il delegato del Coni Enrico Picchio. Presenti anche il consigliere regionale Marco Ausili e Don Paolo Volpe delegato da S.E. l’Arcivescovo Dal Cin. «L’impegno dell’amministrazione comunale per sostenere lo sport – ha detto il sindaco Pieroni accompagnato anche dal consigliere delegato allo Sport Christian Anticaglia – è massimo e il confronto con la società Nova Volley che gestisce egregiamente il Palaserenelli è sempre aperto. Condividiamo le difficoltà ma vogliamo fare il massimo perché il valore sociale ed educativo dello sport è fondamentale per i giovani».

Natale a Gradara