Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

La Nef Osimo Volley carica ai nastri di partenza

La società osimana tra prima squadra e settore giovanile si presenta completa all'inizio della sua stagione sportiva. Il direttore tecnico Valter Matassoli ha fatto il punto della situazione parlando dei vari ambiti dove il sodalizio senzatesta sarà impegnato

OSIMO- Tra prima squadra e settore giovanile. Scalda i motori ufficialmente la Nef Volley Osimo che sabato, in Serie B, affronterà la Florigel Andria nella prima giornata di campionato. A fare il punto della situazione sul momento osimano è stato il direttore tecnico Valter Matassoli:

«Il progetto della prima squadra è rinnovato con diversi elementi nuovi, tra cui il palleggiatore e quindi devono trovare la giusta amalgama e questo richiede tempo. La speranza è che il percorso di crescita avvenga nel minor tempo possibile e sicuramente le vittorie aiuteranno in tal senso. Da quello che ho visto finora posso dire che la squadra comunque ha il giusto piglio, e mentalità, e questo è un fattore positivo. A questo aggiungiamo il solito grande entusiasmo di coach Masciarelli, che quest’anno ha anche sposato in pieno il progetto di valorizzare in prima squadra il nostro giovane prospetto del 2002 Paolucci».

E, come detto sopra, c’è grandissima attenzione sul settore giovanile: «Oltre alla serie B abbiamo una serie D, un’under 18 di prima divisione, un’under 16 e tre under 14. Lo scopo è quello di attingere dalle squadre giovanili per trovare i giovani di prospettiva in un’ottica di verticalità. C’è anche il femminile e la nostra volontà è quella di crescere le nostre giovani anche in questo caso. Certo rispetto al maschile è più difficile riuscire a compiere un’interscambiabilità tra le diverse squadre giovanili, quindi lavoriamo con gruppi della stessa età per favorire la crescita delle atlete. Inoltre vorrei ricordare che dal 2014 siamo riconosciuti come Scuola Federale di Pallavolo: un riconoscimento importante che ci richiede di lavorare con un certo metodo ma che certifica anche la qualità del nostro lavoro».