Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

La Cucine Lube ospita Perugia per gara 2 della Finale

Dopo il successo all’esordio al Palabarton, la squadra di Blengini affronta una Sir Safety che in settimana ha vissuto l’esonero di coach Heynen. Diretta su RaiSport

La Lube vince gara 3

CIVITANOVA M. – Uno strano destino accomuna le contendenti allo scudetto della SuperLega. Come la Cucine Lube dopo l’andata dei quarti di Champions con l’esonero di De Giorgi a favore di Blengini, stavolta la sconfitta interna nella gara 1 della finale scudetto è costata la panchina al coach umbro Heynen. Il casus belli nasce dalla gestione di Atanasjievic, non gradita dal patron Sirci e da uno scollamento tra tecnico e squadra.

Squadra affidata al vice Carmine Fontana con una partita, quella di domenica alle 18 all’Eurosuole Forum, che potrebbe indirizzare pesantemente la serie.

Al fenomale schiacciatore Wilfredo Leon è stato assegnato il premio Gazzetta quale miglior schiacciatore della regular season.

La Cucine Lube cercherà di approfittare dell’apparente caos tra gli umbri per allungare il vantaggio anche se, proprio i cucinieri, dopo l’avvicendamento in panchina, hanno ritrovato una grande unità di intenti, superato anche il momento delicato con la positività al Covid e messo la stagione sui binari attesi.

Per il capitano Osmanj Juantorena «la levatura degli avversari dà una chiara indicazione di quanto sia stata grande la nostra impresa a Perugia. In apertura di match eravamo un po’ contratti e nervosi, poi abbiamo preso ritmo e siamo riusciti a impostare il nostro gioco con il contributo di tutti i compagni scesi in campo. La Sir ha sfiorato la rimonta, ma siamo stati bravi a chiudere il match nel 4’ parziale. Partite così dure vanno vinte in qualsiasi modo, anche giocando male a tratti. Non importa il divario di punti, ma conta mettere giù l’ultima palla. Ora dobbiamo resettare e scendere in campo come se la serie iniziasse domenica e fossimo sullo 0-0. Sarà decisivo mostrarci umili ma combattivi contro una rivale arrabbiata, determinata e costretta ad alzare il livello».