Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Pallavolo, la Cbf Balducci Macerata all’appuntamento con la storia

La squadra di Paniconi ospita stasera alle 20.30 la Lpm Bam Mondovì per la finale promozione. Chi vince sale in A1. Atteso il tutto esaurito. La società HR regalerà una maglia arancione ai tifosi

La Cbf Balducci sogna la A1

MACERATA – La partita di stasera alle 20.30 tra Cbf Macerata e Lpm Bam Mondovì è l’atto finale della lunga e combattuta stagione di serie A2. Chi vince sale in A1 chi perde resta in A2. In un Banca Macerata Forum da tutto esaurito, per chi è senza biglietto c’è la diretta su YouTube la formazione di Paniconi proverà a far valere il fattore campo trovando forza e coraggio nella macchia arancione visibile verosimilmente sugli spalti e voluta dalla società che regalerà una maglietta arancione agli spettatori prima della partita chiedendo di indossarla per far sentire alla squadra l’immedesimazione di una intera città e non solo.

Le squadre arrivano a questa “bella” dopo aver vinto il proprio turno interno e dopo un lungo cammino nei playoff nel quale Macerata ha tenuto un passo più spedito rispetto alle piemontesi che hanno stentato. Ma ormai non conta il passato ma solo il presente e la partita sarà anche la rivincita definitiva della finale di Coppa Italia vinta a Rimini l’anno scorso dalla Cbf Balducci a spese proprio della squadra piemontese nella quale militano quest’anno Bisconti e Giubilato che l’anno scorso alzarono il trofeo.

In campo il peso offensivo graverà sulle spalle delle due opposte Taborelli e Malik.

Per vincere la Cbf Balducci dovrà giocare con maggiore incisività di quanto visto in gara 1 dove vinse in rimonta al tiebreak ma la squadra di Solforati è in grande forma.

La Cbf Balducci deve trovare continuità in battuta, muro e difesa. Finora è Mondovì che dai 9 metri ha messo in difficoltà la seconda linea marchigiana costringendo Ricci a distribuire con palla staccata. L’appuntamento è storico ed è inevitabile che a qualcuno possano tremare le gambe. L’unica “esperta” di momenti di questo tipo è il libero Giulia Bresciani che ha già centrato tre promozioni dalla A2 alla A1, l’ultima l’anno scorso con la Megabox Vallefoglia. Per coach Paniconi “l’aspettativa di poter essere protagonisti di una gara di finale è il massimo a cui si può aspirare all’inizio di un percorso” – ha detto. “L’aspetto più importante è focalizzarsi su quello che sarà domani. Sarà la giornata in cui possiamo competere per quello che sarebbe un grande premio per quanto questa squadra ha fatto quest’anno”.

 “Da allenatore della mia squadra ho grandissima fiducia in quello che possiamo fare e so che siamo nella condizione di poter ambire al massimo risultato, grazie anche alla spinta del pubblico. Questo è il momento più emozionante della stagione, il momento più gratificante, il momento in cui conta tanto la capacità di vivere l’emozione, che è un fattore imprescindibile per chi fa qualcosa con passione, non come un freno ma come una grandissima spinta propulsiva per trasformare tutto in una carica importante”.