Barbato Vela Ancona, sconfitta con rimpianti a Torino

Nella tana di una delle migliori squadre del girone la compagine dorica disputa una buonissima gara cedendo 8-6 e dando segnali incoraggianti in vista del futuro. Coach Igor Pace: «Occasioni le abbiamo avute, dovevamo buttarla dentro»

Fasi di gioco della gara

TORINO- Lotta con grande orgoglio ma non esce indenne da Torino la Barbato Design Vela Ancona. I dorici cedono 8-6 alla Real Mutua che si conferma una delle formazioni più forti dell’intero panorama nazionale. I ragazzi di coach Pace giocano alla pari sprecando tante occasioni in fase offensiva. È probabilmente questa la chiave di lettura dell’incontro che, alla fine, peserà nel risultato finale. Per essere sicuri dei playoff alla Barbato servirà vincere nel prossimo match interno con il Brescia.

LA CRONACA

Botta e risposta nel primo tempo, con le reti di Pantaloni e di Brancatello per la Barbato, mentre nel secondo tempo il Torino se ne va. Gattarossa, Loiacono in superiorità numerica e Cialdella anche lui in superiorità realizzano un mini-break che porta i piemontesi sul 4-1. Solo nell’ultimo minuto realizzano Lisica per la Vela e ancora Brancatello a tre secondi dal cambio di campo, che arriva dunque sul punteggio di 5-2. Nel terzo tempo allunga ancora il Torino con Audiberti. La Barbato Design segna con Pieroni in superiorità numerica e si arriva così all’ultimo intervallo sul 6-3. Nel quarto parziale segna subito Vuksanovic su rigore (7-3), quindi mini-break della Vela che rimonta grazie a Pugnaloni, Lisica su rigore e Pieroni (7-6). I padroni di casa trovano tuttavia nel finale il gol della tranquillità con Oggero, in superiorità numerica, che chiude la contesa sull’ 8-6.

SALA STAMPA

Igor Pace (Allenatore Barbato): «Abbiamo giocato male le superiorità numeriche e questo ci ha penalizzato nella prima parte della partita in cui loro sono stati bravi e noi evanescenti. Poi abbiamo cambiato regime, abbiamo cominciato a difendere bene, a metterli in difficoltà, però abbiamo commesso ancora alcuni errori di attenzione che hanno un po’ segnato la partita. Poi nell’ultimo tempo sul 7-6 abbiamo subito un’espulsione un po’ dubbia e il Torino ha trovato il gol della sicurezza. Però noi le occasioni in precedenza le avevamo avute e dovevamo buttarle dentro».

Reale Mutua Torino 81 Iren-Barbato Design Vela Ancona 8-6 
(1-1, 4-1, 1-1, 2-3)
Reale Mutua Torino 81 Iren: Aldi, Ermondi, Cialdella 1, Azzi, Maffè, Oggero 1, Brancatello 2, Vuksanovic 1, Capobiando, Loiacono 1, Audiberti 1, Gattarossa 1, Costantini. All. Aversa.
Barbato Design Vela Ancona: Bartolucci E., Lisica 2, Pugnaloni 1, Pantaloni 1, Baldinelli, Pieroni 2, Simo, Dipalma, Ciattaglia, Breccia, Sabatini, Cesini, Cardoni. All. Pace I.
Arbitri: Ferrari e Iacovelli.
Note: sup. num. Torino 3/5 più un rigore realizzato, Vela 1/7 più un rigore realizzato; spettatori 450 circa.