Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Pallamano Camerano, Rubini: «Amarezza per la chiusura ma la salute viene prima»

La vicepresidentessa gialloblu ha tracciato un bilancio della stagione dei cameranesi chiusa, dallo stop definitivo per il Coronavirus. Nella sua analisi un pensiero anche al settore giovanile

Rosalba Rubini
Rosalba Rubini, Pallamano Camerano

CAMERANO – La conclusione anticipata della stagione per la Pallamano Camerano, militante in A2, ha segnato, di fatto, il rompete le righe. Primo dello stop forzato a causa dell’emergenza Coronavirus i risultati erano stati senza dubbio soddisfacenti sia per la prima squadra che per il settore giovanile. Le graduatorie determinate al 9 marzo (per volere della Federazione Italiana di Handball) permettono ai tecnici cameranesi di tracciare anche una sorta di bilancio.

A commentarlo è stata la vicepresidente Rosalba Rubini: «Era una decisione nell’aria e per la prossima stagione dovremo riprendere più forti che mai. C’è un po’ di amarezza per questo epilogo così brusco, anche se avevamo già raggiunto la salvezza, ma in questo momento conta la salute di tutti. Come detto, l’obiettivo stagionale era stato colto e questa parte di campionato sarebbe servita a coach Sergio Palazzi per provare più giovani, più schemi e per lavorare in ottica futura. Da parte nostra siamo soddisfatti per questa stagione per quanto fatto dalla squadra di A2».

Un pensiero va anche al vivaio gialloblu: «Dispiace per la nostra Under 19 maschile, visto che avrebbe disputato le finali nazionali, così come l’Under 15 femminile – conclude la Rubini -. Poi a Pasqua avremo dovuto prender parte al Torneo di Mordano, che è stato anche questo annullato, ma tanto siamo in piena emergenza ed è giusto così. Adesso aspettiamo che la situazione torni alla normalità per poter tornare ad allenarci. Penso che, molto probabilmente, questo sarà per la prossima stagione perché questa emergenza non è finita per il momento e perché per uno sport di squadra e di contatto, come il nostro, bisognerà attendere che ci si possa allenare in sicurezza».