Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Netta sconfitta per la Thunder Matelica Fabriano

Serie B femminile: troppa differenza di valori, le marchigiane cedono subito a San Lazzaro di Savena (Bo). Coach Rapanotti: «Ora resettiamo e guardiamo avanti con fiducia». Molto importante il prossimo match in casa contro la Magika Castel San Pietro

FABRIANO – Nella quinta giornata del campionato di serie B femminile di basket, la Thunder Matelica Fabriano esce sconfitta senza attenuanti dal parquet della Bsl San Lazzaro di Savena (Bo) per 79-36.

La partita, già di per sé difficilissima vista la validità delle avversarie, è stata resa ancora più in salita per l’assenza della fabrianese Michelini (infortunata), la giocatrice di punta in attacco della Thunder.

«Non c’è stata partita – commenta il coach fabrianese Christian Rapanotti. – Per giunta abbiamo avuto un approccio da “vittime sacrificali” e questo non va assolutamente bene. Abbiamo sofferto troppo la loro fisicità e la loro aggressività. L’assenza di Michelini ha certamente inciso, ma non può essere un alibi perché la nostra forza deve essere il gruppo. Peccato, perché le ragazze in settimana lavorano con tanto impegno. La differenza di valori comunque era troppo evidente e infatti le due squadre hanno obiettivi diversi: noi salvarci, loro lottare per le prime posizioni».

Il tabellino della Thunder: Stronati 1, Franciolini 6, Zamparini 5, Zito, Paffi 8, Ricciutelli 6, Baldelli 9, Sbai, Gargiulo, Ceccarelli 1, Bernardi. Parziali: 20-5 al 10’, 41-15 al 20’, 61-25 al 30’, 79-36 il finale.

Nel prossimo turno, sabato 9 novembre, la Thunder tornerà a giocare in casa contro la Magika Castel San Pietro (palasport di Matelica, ore 18.30). Le due squadra sono appaiate a quota 2 punti in fondo alla classifica. Il match, quindi, è da considerarsi molto importante.

«Dobbiamo resettare, consapevoli del fatto che questo è un percorso che comunque premierà la nostra dedizione – conclude coach Rapanotti. – Domani, martedì, dobbiamo tornare in palestra con il sorriso per divertirci insieme e guardare avanti con fiducia».