Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Nef Osimo Volley, il dg Matassoli: «La federazione adesso rimetta mano ai calendari»

Il direttore generale osimano ha parlato della ripartenza del campionato di pallavolo invocando la Fipav a prendere delle ulteriori decisioni in merito alla stagione in corso

Valter Matassoli
Valter Matassoli, dg della Nef Osimo Volley e Volley Young Osimo

OSIMO- Nella carrellata di dichiarazioni degli addetti ai lavori in merito alla ripartenza fissata per il 22-23 gennaio del campionato di Serie B di volley non poteva mancare il parere del direttore generale della Nef Osimo Valter Matassoli:

«Speriamo. Credo che però la Federazione dovrà rimettere mano ai calendari ed ai gironi. Non penso che si ripartirà a Gennaio, forse a Febbraio – Marzo: in quel caso sarebbe il caso, anche per questioni logistiche – organizzative, di far disputare dei concentramenti provinciali, o regionali, da cui far uscire le migliori che si andrebbero a giocare una sorta di Poule Promozione per l’A3».

I campionati giovanili restano in bilico, e non sarebbe sicuramente una buona notizia per il movimento volley: «Il rischio c’è e sarebbe un peccato far saltare due annate sportive consecutive ai ragazzi e ragazze dei settori giovanili. Non se lo meritano. Anche in questo caso, bastava un pò di buon senso. Da luglio era possibile tornare a giocare, perchè non si è cercato in luglio ed agosto di far terminare i campionati giovanili 2019-20?».

L’estensione della scorsa stagione 2019-2020 nel 2021, come proposto dallo stesso Matassoli poteva, secondo il dg osimano, rappresentare una valida alternativa al problema: «Ho diritto di esternare il rammarico di non essere stato ascoltato o che le cariche istituzionali federali che hanno ricevuto per scritto la bozza del progetto non l’hanno considerata minimamente. Neanche il pensiero di creare un incontro per chiarimenti. Ora se si gioca o no, per quello che è il mio ruolo è un aspetto secondario. Quello primario riguarda il bilancio delle due società. Non so come saremo messi a fine gennaio e gli impegni presi con tutte le componenti utili allo svolgimento delle attività, sono molto onerosi e non so se saremo in grado di rispettarli».