Marcia, esperienza azzurra per Giacomo Brandi e Camilla Gatti

Il ventenne di Fabriano e la diciassettenne di Cerreto d'Esi hanno partecipato all'appuntamento internazionale di Podebrady (Repubblica Ceca) con il team Italia. Risultati incoraggianti per entrambi

Camilla Gatti e Giacomo Brandi con i colori azzurri a Podebrady (Repubblica Ceca)

FABRIANO – Grande soddisfazione nel mondo dell’atletica fabrianese per la partecipazione di due atleti locali con la maglia azzurra dell’Italia al tradizionale incontro internazionale di marcia svoltosi a Podebrady, in Repubblica Ceca. 

Si è trattato del fabrianese Giacomo Brandi (classe 1998, categoria Promesse) e della cerretese Camilla Gatti (classe 2001, Juniores). Entrambi hanno gareggiato ieri, sabato 6 aprile, con buoni risultati, che potenzialmente potevano essere anche migliori viste le loro qualità, e che lasciano ben sperare per il futuro nella difficile e impegnativa disciplina sportiva del “tacco e punta”.

Ormai avvezzo alla maglia azzurra, il fabrianese Giacomo Brandi (tesserato con l‘Atletica Fermo e allenato da Carlo Mattioli), fresco campione italiano Under 23, ha corso la gara di 20 chilometri in 1h 27’ 46” (il suo miglior tempo stagionale), classificandosi 21° assoluto, quarto fra gli italiani e secondo azzurro della sua categoria alle spalle di un Ettore Grillo (Atletica Firenze Marathon) in giornata di grazia (1h 26’ 36”). Per Giacomo, la soddisfazione di aver vinto il titolo a squadre con l’Italia, la consapevolezza di una condizione di forma in progresso, ma anche di poter fare ancora meglio e di riavvicinarsi al suo “personal best” su questa distanza (1h 26’ 03”). 

La cerretese Camilla Gatti (tesserata con l’Atletica Fabriano e allenata da Fabio Faggeti con supervisione di Carlo Mattioli), alla sua prima convocazione azzurra, ha partecipato alla gara juniores di 10 chilometri e si è classificata ottava (quarta fra le italiane) con il “personal best” di 50’ 05” (50’ 29” il precedente di due settimane fa che le aveva consegnato il 2° posto italiano). Un buon crono, dunque, ma purtroppo – per il momento – appena cinque secondi ancora superiore al minimo richiesto dalla Fidal per partecipare agli Europei (50’). Più probabile, invece, che ottenga il “pass” per la Coppa Europa. La stessa Camilla non si è detta pienamente soddisfatta della sua performance, forse anche trattandosi della prima esperienza in azzurro e la stanchezza per non aver chiuso occhio la sera precedente: «Non è andata come volevo, perché ero nervosa e ho sentito un po’ di tensione». Parole che, ad ogni modo, fanno ben capire di che pasta è fatta questa ragazza, ormai atleta di spessore internazionale a livello giovanile, consapevole delle proprie possibilità. Camilla si è classificata seconda di squadra con la formazione italiana femminile.

Detto della marcia, in questo ricco fine settimana c’è da segnalare qualche altro interessantissimo risultato in casa Atletica Fabriano: la junior Sara Zuccaro, infatti, nel lancio del martello a Viterbo ha fatto registrare il record personale e sociale scagliando l’attrezzo a metri 53.46. Bene anche Vesna Barconi (31.27 nel disco e 10.35 nel peso). 

In evidenza, infine, la straordinaria cavalcata di Gianmarco Cecchini nell’ultima frazione della staffetta 4×1500 (Andrea Mingarelli, Diego Ferretti, Fabio De Luca, Gianmarco Cecchini), che ha regalato all’Atletica Fabriano il primo titolo regionale Assoluto in pista.