Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Luiss-Luciana Mosconi: nessun precedente in archivio

I dorici ad eccezione di Veselin Gospodinov, sono al completo. Anche Edoardo Anibaldi ha smaltito i fastidi alla schiena e dovrebbe essere arruolabile per la panchina

Il play anconetano, classe 1990, Lorenzo Panzini in forza alla Virtus Cassino

ANCONA – Trasferta inedita per la Luciana Mosconi Ancona che per la prima volta nella sua storia recente in Serie B affronta una trasferta romana incrociando la Luiss. Nessun precedente tra le due squadre che si confronteranno sabato sul campo capitolino nella sfida valida per l’ottava giornata.

Poco in comune tra dorici e romani ma un ex di turno c’è. Simone Pozzetti nella stagione 2016/2017 ha giocato proprio con la Luiss in Serie B. Chiusa l’esperienza di Falconara, all’interno del proprio percorso di studi, il giocatore anconetano si trova a difendere i colori della squadra universitaria in un campionato chiuso personalmente con 27 presenze, 8.5 punti e 4.4 rimbalzi di media, con un season high fatto registrare l’8 gennaio 2017 nella trasferta di Napoli dove “Pozz” segnò 18 punti. In quella stagione la Luiss arrivò fino ai playoff uscendo al primo turno contro Bisceglie: Luiss Roma rievoca ricordi poco piacevoli a coach Piero Coen.

Playoff di Serie B 2017/18. L’attuale tecnico della Luciana Mosconi è alla guida di Recanati e trova al primo turno proprio la Luiss. Gara-1 si gioca a Recanati e i leopardiani di Coen vincono all’overtime una combattutissima gara-1 (8-85). Gara-2 a Roma è della Luiss che si impone 90-68. Si torna nelle Marche è i capitolini fanno di nuovo il colpo al PalaCingolani vincendo 88–92 ed eliminando dai playoff la formazione recanatese. In semifinale poi la Luiss trovò Cassino che vinse la serie ma soltanto alla quinta partita (89-86 il risutato di gara-5). Nella squadra ciociara, che poi ottenne la promozione in A2 vincendo prima la finale contro Barcellona e poi lo spareggio promozione contro S.Severo nella Final Four di Montecatini, militava Lorenzo Panzini.