Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

L’Italservice continua a programmare: Guennounna rinnova, Carducci fine del prestito

La società del presidente Lorenzo Pizza ha deciso di estendere il contratto del suo portiere per un'altra stagione. Ai saluti il giovane talento marchigiano Diego Carducci che torna invece al Pietralacroce 73

Younouss "Jhons" Guennounna, portiere dell'Italservice Pesaro

PESARO- Prosegue senza soluzione di continuità l’allestimento dell’Italservice Pesaro versione 2020/2021 e si continua con le conferme, anche perché questa squadra era già ultra competitiva in Italia e all’estero e sarebbe un vero peccato smantellare quanto di buono fatto fino a questo momento. Se l’anno prossimo infatti si vorrà continuare a competere in tutto, ovvero campionato, coppa Italia, coppa della Divisione e Champions League (qualora il Pesaro dovesse accedervi di diritto), non si potrà fare a meno dei migliori giocatori del panorama che già oggi vestono questa maglia.

Ieri la società del presidente Lorenzo Pizza ha quindi deciso di estendere il contratto del suo portiere Younouss “Jhons” Guennounna. L’estremo difensore di origine marocchina ma con cittadinanza italiana vestirà quindi la maglia biancorossa anche il prossimo anno e non poteva essere altrimenti, visto che con l’Italservice Pesaro si è già tolto diverse soddisfazioni.

Un campionato di Serie A vinto nella stagione 2018/2019 e una SuperCoppa Italiana sono infatti nella sua bacheca che “sorregge” anche la Winter Cup vinta col Rieti e i campionati di A2 e B vinti con Orte e Reggiana.

Il portiere ha ammesso di aver rinnovato con piacere perché «Sono un giocatore molto ambizioso e anche l’Italservice ha grandi ambizioni», una bella testimonianza d’affetto e fedeltà considerando anche che “condivide” la porta con uno dei portieri più forti in Italia e non solo, ovvero Michele Miarelli.

Al rinnovo di Guennounna si accompagna anche un saluto, quello del giovane talento marchigiano Diego Carducci. Terminato il prestito torna infatti al Pietralacroce 73 dopo «Un anno ricco di emozioni. È stato un onore e un privilegio vestire questi colori, grazie di tutto Pesaro», ha detto Carducci.