Citroen Pieralisi Jesi
Citroen Pieralisi Jesi
Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Fastnet. Internet da sempre
Banco Marchigiano Conto università
Banco Marchigiano Conto università

La Cosma Pallanuoto saluta la Coppa Italia ma si gode le sue tante giovani

Le doriche di coach Milko Pace perdono con Roma, Catania e Firenze ma lasciano intravedere cose positive, soprattutto nel match con le toscane. Buono l'esordio di Bartocci, Olivieri, Campitelli e Consolani

Cosma Florentia
Fasi di gioco di Cosma Vela - Florentia
Fastnet. Internet da sempre

ROMA- La Cosma Vela Pallanuoto Ancona (Serie A1 Femminile) abbandona la Coppa Italia dopo le sconfitte, nel girone di qualificazione, con Sis Roma (7-24), Ekipe Catania (6-23) e Florentia (7-9). Consapevoli delle difficoltà che si sarebbero incontrate al cospetto di squadre organizzate come Roma e Catania, con Firenze sono arrivate le note più liete con un match che si è mantenuto a lungo in bilico. Applausi per le giovanissime Bartocci (’04), Olivieri (’03), Campitelli (’05) e Consolani (’06) gettate nella mischia da coach Milko Pace che hanno ben figurato dinanzi alle quotate avversarie:

«Sis e Ekipe, stiamo parlando di mezza nazionale da una parte e mezza dall’altra, e i risultati parlano chiaro – commenta il tecnico anconetano Pace -. Anche se nella gestione delle energie e di acciacchi vari hanno trovato spazio le piccole che non sono ancora pronte per giocare certe partite ma hanno risposto molto bene, con voglia e giusto atteggiamento. Contro la Florentia, che era decisiva per il passaggio del turno, abbiamo giocato due tempi quasi perfetti, siamo stati in vantaggio anche 4-1, poi con un nostro classico black-out la Florentia s’è riportata sul 4-4, poi ancora noi sopra 6-4, e 6-6 a fine terzo tempo. Nel quarto tempo abbiamo sbagliato un rigore, ci siamo trovati sotto 6-7, poi abbiamo ancora pareggiato 7-7».

Non manca anche qualche recriminazione: «A un minuto dalla fine ci è stato fischiato un rigore contro a mio avviso inesistente, e siamo andati nuovamente sotto. A quel punto subito in attacco abbiamo conquistato e sbagliato una superiorità e in contropiede la Florentia ci ha segnato l’ultimo gol. La stessa partita e lo stesso risultato dello scorso anno in regular season. Stiamo crescendo ma ancora non basta. Dopo un anno queste sono partite che dobbiamo imparare a portare a casa».

Paradise Monsano