Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

La Conero Running sarà campionato italiano di mezza maratona master

Domenica 24 aprile sul lungomare di Numana sarà assegnato il tricolore sulla distanza dei 21 km. Organizza l’evento il Grottini Team di Recanati. Carpineti, vice presidente: «Non era scontato»

Un'immagine dell'ultima edizione della Conero Running

NUMANA – Due anni di annullamento per Covid e la speranza che finalmente la 10′ edizione della Conero Running si possa correre. La data scelta è quella di Domenica 24 aprile 2022 e, dopo la cancellazione delle edizioni 2020 e 2021, tornerà sul lungomare di Numana per assegnare il campionato italiano di mezza maratona master.

«Dopo che il Covid ci ha costretto ad annullare le ultime edizioni – dice Andrea Carpineti, vice presidente del Grottini Team e curatore dell’organizzazione – non era scontato avere di nuovo l’assegnazione del tricolore da parte della Fidal che invece ci ha scelti come gara nella quale sarà assegnato il titolo di campione italiano master di mezza maratona». La speranza è che il Covid non scombini di nuovo i piani.

L’atletica come tutto lo sport ha risentito pesantemente delle conseguenze del Covid e moltissimi eventi sono stati annullati così come gran parte delle storiche e prestigiose maratone delle principali città italiane.

«Il binomio sport e turismo che ha contraddistinto questa manifestazione fin dalla sua prima edizione assumerà contorni particolari anche sotto l’aspetto agonistico assegnando il tricolore», ha aggiunto Carpineti che incrocia le dita perché tutto si possa svolgere con la situazione contagi sotto controllo. Alla partenza della sola mezza maratona è prevista la partecipazione di non meno di 2.000 atleti provenienti da tutta Italia più i partecipanti alla Conero Ten (10 Km), gara amatoriale non competitiva.

«C’è tanta voglia di normalità e, per questo motivo – ha concluso Carpineti – stiamo già lavorando con l’amministrazione comunale di Numana perché lo sforzo organizzativo venga premiato da un grande successo. Porteremo nella Riviera del Conero atleti e famiglie, incentivando il turismo ma anche un grande evento di sport».

Lo scenario naturale che i corridori trovano intorno alla strada che percorrono partendo e arrivando al porto di Numana in un percorso ad anello, è unico oltre che molto panoramico.

«Ancora una volta per noi la gara comincia adesso. Il traguardo non era l’assegnazione del campionato italiano ma far sì che sia un evento perfetto in ogni aspetto», ha concluso Carpineti che è già al lavoro.

Rispetto alle edizioni pre-Covid invece non ci sarà la Mini Conero, l’evento non competitivo destinato alle famiglie per evitare comunque gli assembramenti.

Exit mobile version