Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Jesina, Strappini non si accontenta: «Chiudere prima la gara, se si vuol essere ambiziosi»

Dopo il blitz di Servigliano, subito di nuovo in campo: mercoledì 22 al Carotti contro la Biagio Nazzaro Chiaravalle per la Coppa, domenica 26 derby casalingo al vertice con la Vigor Senigallia. L'incognita delle assenze, le info sui biglietti

San Marco Servigliano- Jesina, i leoncelli a fine gara

JESI – Dopo il blitz di Servigliano, tornerà subito in campo dopo domani mercoledì 22 settembre la Jesina di mister Marco Strappini: al Carotti (ore 17) arriverà la Biagio Nazzaro Chiaravalle, per la seconda giornata del primo turno di Coppa Italia. Ma l’attenzione va a domenica 26, quando sempre nell’impianto di viale Cavallotti andrà in scena il derby di campionato al vertice con la Vigor Senigallia. Le due squadre, leoncelli e rossoblù, sono nel quartetto di testa a punteggio pieno dopo le prime due giornate di campionato, insieme ad Azzurra Colli e Marina.

Subito le info biglietti: quelli per la partita di Coppa con la Biagio saranno acquistabili in prevendita lunedì 20 e martedì 21 settembre, presso la segreteria del Carotti, dalle 17.30 alle 19 e poi mercoledì 22 dalle 10.30 alle 12. Nel giorno della gara, botteghini aperti alle 16. Per l’incontro la società, a titolo promozionale, ha predisposto la sola vendita dei biglietti ridotti per tutti: 5 euro in curva, 10 in tribuna laterale e 12 nella centrale. Ingresso omaggio per tutti gli under 12 purché accompagnati da un adulto. Da venerdì 24 via alla prevendita per la partita con la Vigor Senigallia.

Intanto mister Strappini, che potrebbe dover fare i conti con diverse assenze nella prossima di campionato, non si gode il successo di Servigliano.

«Sono arrabbiato– dice il tecnico- perché avremo avuto una decina di palle gol nitide e la partita avremmo dovuto chiuderla prima. Non farlo, significa non voler essere ambiziosi. Anche gli infortuni finali (Cameruccio e Lucarini, nda) sono figli di una gara tenuta aperta fino in fondo, quando poi un episodio avrebbe potuto farci sprecare tutto».