Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Il pilota Simone Riccitelli premiato anche in Germania

Automobilismo: dopo il successo nel Gran Turismo, il giovane fabrianese ha ricevuto anche il premio del Coni ad Ancona; poi sarà a Milano per i Caschi d'Oro

FABRIANO – Il giovane pilota automobilistico Simone Riccitelli (17 anni compiuti il 25 novembre) continua a raccogliere i frutti – in termini di premi – per il grande successo ottenuto quest’anno nel Gran Turismo Sprint, dove in coppia con Sabino De Castro si è laureato campione nella serie Gt4 il 20 ottobre scorso.

Dopo il riconoscimento del Coni ritirato il 29 novembre ad Ancona, è stata la volta del viaggio a Weissach in Germania per la “Porsche Night of Champions” 2019. 

«Che emozione aver potuto partecipare ad una serata del genere insieme a tutti i grandi campioni della Porsche – ci ha detto Simone. – L’orgoglio maggiore è stato vedere il mio nome sulla “wall of fame”, esperienza stupenda!».

Giusto il tempo di riorganizzare le idee ed ecco che in arrivo c’è la partecipazione ai Caschi d’Oro 2019 a Milano, domani (venerdì 13 dicembre)

Insomma, è un bel momento per il giovane pilota fabrianese. «Possiamo dire che solo adesso inizio a metabolizzare l’eccezionalità del risultato che ho ottenuto, a questa età – dice Riccitelli: – ripensandoci mi viene la pelle d’oca». 

Ma, oltre ai giusti premi che sta ritirando, per Simone è già tempo di programmare il futuro. «Dopo la vittoria di fine ottobre, mi sono riposato un paio di settimane e poi ho ripreso subito ad allenarmi fisicamente con corsa e palestra – racconta. – Nel frattempo sono iniziati alcuni contatti con dei team per la prossima stagione, ma è ancora presto per dire qualcosa di concreto».

In attesa di novità, dunque, il giovane Simone Riccitelli rivive le ultime due stagioni, in cui prima ha vinto la categoria Under 25 nel Campionato Italiano Sport Prototipi e poi, come detto, il Gt4 Sprint a livello assoluto. 

«Sono state grandi soddisfazioni per tutta la famiglia. La cosa curiosa è che risulto campione in pista… ma nella realtà non ho ancora la patente!», scherza infine Simone.