Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Halley Thunder verso l’esordio in A2: «Obiettivi: salvezza e divertirsi»

Basket femminile: a due giorni dall’inizio del campionato, il presidente Euro Gatti e il direttore sportivo Piero Salari parlano dell’imminente stagione

Piero Salari (direttore sportivo) ed Euro Gatti (presidente) della Thunder Halley Basket (foto di Marco Teatini)

FABRIANO – «Divertire e divertirci, credo che sia questa la cosa più importante nello sport». Euro Gatti, presidente della Halley Thunder Basket, riassume così le prospettive della sua squadra, neopromossa nel campionato di serie A2 femminile di pallacanestro, per l’imminente torneo che sta per iniziare. 

L’esordio assoluto in questa categoria per le biancoblù marchigiane è previsto per sabato 9 ottobre in trasferta a Cagliari contro il Cus (ore 15.30).

«Ancora sono vive le emozioni del 10 luglio giorno in cui ci siamo guadagnati questa serie A2, un traguardo impensabile trenta anni fa quando la Thunder iniziava la sua storia – dice il presidente della Halley Thunder, Euro Gatti. – Non avrei mai immaginato di raggiungere questi obiettivi, però con calma e con molta dedizione, con l’aiuto delle ragazze e dello sponsor Halley Informatica, siamo riusciti ad arrivare così in alto». 

E a proposito del campionato che sta per iniziare: «Io spero di poter fare ancora qualcosa di buono, far divertire e divertirci, perché credo che sia questa la cosa più importante nello sport. Ora, in serie A2, servono maggior impegno e sacrifici, ma lo facciamo volentieri per questo territorio».

Il presidente Gatti, infatti, ribadisce ancora una volta l’importanza del bacino territoriale: «Noi non siamo esclusivamente la società Thunder – ribadisce: – siamo Matelica, siamo Fabriano, siamo San Severino Marche… siamo tutto il territorio di questa valle dell’entroterra marchigiano che solo collaborando può crescere e raggiungere risultati importanti nel segno del basket femminile».

Il direttore sportivo Piero Salari passa poi ad affrontare il lato più strettamente tecnico della stagione. «Il nostro obiettivo è la salvezza – precisa: – se arriverà qualcosa in più, ben venga. Siamo soddisfatti della squadra che abbiamo costruito, considerando il fatto che abbiamo iniziato l’allestimento soltanto a metà luglio, dopo aver conquistato la promozione. Siamo una formazione giovane, dall’età media di circa 22 anni, che riteniamo possa essere competitiva. Entriamo in punta di piedi, ma con grande voglia di far bene, in questa realtà della serie A2 che per noi è completamente nuova».