Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Giulia Michelini e Giorgia Ricciutelli “caricano” la Thunder Halley

Basket serie B femminile. «Contro la Bls San Lazzaro match importante per sognare i playoff», dicono le due giocatrici biancoblù

La fabrianese Giulia Michelini e la matelicese Giorgia Ricciutelli, giocatrici della Thunder Halley in serie B femminile di basket

FABRIANO – A metà classifica nel campionato di serie B femminile di basket con 12 punti (6 vittorie e 5 sconfitte finora), la Thunder Halley Matelica Fabriano reduce da tre successi di fila può guardarsi finalmente con tranquillità alle spalle e, nello stesso tempo – perché no – cullare un piccolo sogno chiamato playoff.

Traguardo difficilissimo da concretizzare, per carità, ma giustamente da inseguire in queste ultime cinque giornate di campionato, considerando anche il fatto che la Thunder Halley ha già riposato rispetto alle due squadre che la precedono in classifica.

Ne abbiamo parlato prima dell’allenamento infrasettimanale al PalaGuerrieri di Fabriano con il capitano biancoblù Giorgia Ricciutelli (matelicese, classe 1995, finora 2,4 punti di media a partita) e con il play/guardia Giulia Michelini (fabrianese, classe 2001, la più giovane del gruppo, 10,7 punti a partita). 

«Grazie agli ultimi risultati positivi ottenuti, sostanzialmente ci siamo messe al sicuro per quanto riguarda l’obiettivo stagionale, ovvero la permanenza in serie B – esordisce il capitano della Thunder Halley Ricciutelli. – L’innesto a fine novembre di Debora Gonzalez ci ha consentito di alzare il livello della squadra e di poter competere anche con le formazioni della parte alta della classifica. Ci si è aperto, così, qualche spiraglio in ottica playoff. Sarà dura, ma il momento è positivo ed è giusto provarci. Molto passa per la prossima partita in casa».

L’appuntamento, infatti, è per sabato 18 gennaio tra le mura amiche (palazzetto di Matelica, ore 18.30) contro la Bls San Lazzaro di Savena, formazione che ha 16 punti in classifica (ma una partita in più), sulla quale la Thunder Halley deve provare a fare la corsa per continuare a sognare un piazzamento in zona playoff.

«La squadra emiliana è tra le migliori viste in questo campionato – la descrive Giorgia Ricciutelli. – All’andata abbiamo subito il loro notevole impatto fisico (la sconfitta fu netta, 79-36, nda), ma è pur vero che quel giorno ci mancavano sia Giulia Michelini che era infortunata sia Debora Gonzalez (che dall’arrivo in maglia biancoblù sta segnando qualcosa come 36,5 punti di media a partita, nda). Non sarà facile, ma giochiamo in casa nostra, ci proveremo».

Servirà una grande prestazione di gruppo da parte della Thunder Halley, che recentemente ha recuperato le infortunate Elisabetta Paffi e Beatrice Bernardi, intanto spera che Asya Zamparini guarisca in tempo dall’influenza.

Lo sa bene la giovane, ma già con un buon bagaglio di esperienza, Giulia Michelini. «Siamo un bel gruppo, come lo è sempre stato, e su questo dobbiamo puntare – commenta la fabrianese, che oltre alla maglia Thunder Halley veste in doppio tesseramento quella dell’Under 18 della Basket Girls Ancona. – Cercheremo di arrivare più in alto possibile, ma soprattutto di divertirci. Rispetto all’anno scorso, lo spostamento nel girone a nord con l’Emilia Romagna ha alzato notevolmente il livello del campionato sia fisicamente che tecnicamente, quindi direi che siamo state finora brave ad adeguarci. Nel corso della stagione l’obiettivo è un po’ cambiato con l’arrivo di una giocatrice forte come Debora Gonzalez e, a livello personale, questo mi ha consentito di giocare anche nel ruolo di guardia, nel quale cerco di rendermi utile. E’ un bel momento per noi: tra Fabriano e Matelica ultimamente è cresciuto molto l’interesse intorno al basket femminile, tra articoli, social, pubblico… Pressione? No, tutto questo ci fa solo molto piacere».

Questa la classifica attuale: Basket Girls Ancona 20; Progresso Bologna 18; Bsl San Lazzaro 16; Libertas Forlì 14; Thunder Halley Matelica Fabriano 12; Magika Castel San Pietro e Happy Basket Rimini 8; MyCicero Senigallia e Olimpia Pesaro 4.