Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Italservice Pesaro, Cuzzolino non vede l’ora di iniziare: «Orgoglioso di vestire questi colori»

Le prime dichiarazioni del campione del mondo argentino presentato ufficialmente qualche giorno fa ai tifosi della squadra di calcio a 5. A breve potrà scendere in campo coi suoi compagni, gli obiettivi sono ambiziosi

Leandro Cuzzolino sfoggia la sua nuova maglia numero 17

PESARO – È stato presentato ufficialmente qualche giorno fa Leandro Cuzzolino, l’ennesimo pezzo da novanta che va ad infarcire il roster dell’Italservice Pesaro già ricchissimo di stelle. Mister Fulvio Colini potrà infatti contare su una rosa di livello internazionale per puntare in alto in tutte le competizioni: campionato in primis, coppa Italia poi e quelle Final Four di Champions League, nella scorsa stagione sfumate per pochi secondi.

Cuzzolino è prontissimo a scendere in campo ma bisognerà aspettare ancora un po’, perché la data di inizio del campionato di Serie A è stata fissata alla metà di ottobre. Ecco le prime parole dell’argentino: «Non mi aspettavo un’accoglienza del genere. Le sensazioni sono positive. Da qualche anno ero in contatto con la società e ora è arrivata questa opportunità unica per me, sono davvero orgoglioso di vestire questi colori perché la piazza è molto importante. Mi farò anche perdonare per quel gol in coppa segnato contro l’Italservice Pesaro, del resto lo sport è così».

Ha vinto tanto Cuzzolino: uno scudetto, quattro coppe Italia e cinque Supercoppe, una Champions League e vanta in bacheca anche il pesantissimo il titolo di campione del mondo con gli attuali compagni Borruto e Taborda.

«Conosco bene mister Fulvio Colini da oltre 10 anni e so che persona è, sono contento di averlo ritrovato qui, così come gli altri giocatori che conosco molto bene – prosegue Cuzzolino –. Il gruppo è fantastico e mi hanno accolto alla grande, anche perché non è facile entrare in un gruppo già formato ma per me non sarà un problema visti gli elementi che ci sono qui». Infine una dichiarazione sulle tanto ambite Final Four di Champions League, obiettivo non più celato del club. «Arrivare alla Final Four di Champions? Non è facile. Ci sono tante cose dietro, è complicato ma non dobbiamo nasconderci perché la società ha allestito per puntare a questo obiettivo».