Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

L’Italservice Pesaro lavora durante la sosta, Davide Bargnesi: «È facile interagire con i campioni biancorossi»

Il vice di mister Fulvio Colini arrivato in estate, nonché preparatore atletico del club, racconta come la squadra sta trascorrendo la sosta della Serie A

Mister Fulvio Colini e il suo vice Davide Bargnesi

PESARO – Gran parte dell’Italservice Pesaro sarà impegnata negli Europei di futsal e nella Coppa America, ormai prossimi a cominciare, i pochi biancorossi rimasti in città invece lavorano sodo in vista di un febbraio bollente.

Ci pensa Davide Bargnesi, per tutti «Daffo», a raccontare che aria tira in casa Italservice: «Ci sono due aspetti importanti quando hai a disposizione una rosa ricca di campioni: quello di essere fortunati a interagire con giocatori di questa caratura e poi quello di dover fare i conti con tantissime assenze in alcuni momenti della stagione. Non è sicuramente un alibi, anzi è un vanto quello di avere calciatori sparsi per il mondo a contendersi trofei così prestigiosi. Come siamo orgogliosi di lavorare in questi giorni con dei veri professionisti – prosegue -, pronti ad impegnarsi per mantenere e addirittura migliorare la propria condizione. Ci alleniamo principalmente in palestra e tutti coloro che sono rimasti a Pesaro mostrano grande disponibilità, è strano lavorare in pochi ma semplice, perché i ragazzi sono straordinari. Nel frattempo, facciamo il tifo per i nazionali, sperando di riabbracciarli stanchi ma carichi magari per qualche successo, piuttosto che delusi e arrabbiati».

Il vice di mister Fulvio Colini, nonché preparatore atletico dell’Italservice arrivato in estate, presenta poi i futuri impegni: «Siamo prossimi a cominciare la seconda tranche di questa annata. Potremmo avere qualche difficoltà all’inizio, essendo forse l’unica squadra ad allenarsi in così pochi in questo periodo. Ma è successo anche ad agosto e ne siamo usciti alla grande. Lo dicono i numeri, che ci vedono al secondo posto in classifica della Serie A, vicini a un Petrarca, leader, che ha disputato un campionato stellare fino ad oggi, complimenti a loro, ma noi siamo lì. Ci attende un febbraio intenso, si giocherà praticamente ogni tre giorni. I campioni e l’esperienza dovranno essere le nostri armi, sono fiducioso».

Exit mobile version