Mister Francesco Battistini: «Cus Ancona, guai a mollare»

La formazione anconetana di Futsal ha già raggiunto i playoff con una giornata d'anticipo e nell'ultimo turno a Lucrezia può puntare al secondo posto. Il tecnico dorico: «Dal gruppo risposte importanti ma ora inizia un altro minicampionato»

Francesco Battistini, tecnico del Cus Ancona

ANCONA – Con la vittoria interna per 6-2 sul Città di Chieti, il Cus Ancona C5 ha centrato i plaoyoff di Serie B con un turno d’anticipo. La regular season si chiuderà con la trasferta in casa della Buldog Lucrezia, dove i dorici possono ancora migliorare il proprio terzo posto, e poi si potrà pensare agli spareggi. Questi si svolgeranno con il consueto accoppiamento: seconda contro quinta e terza contro quarta con gara d’andata in casa della peggior classificata.

«Era importante la vittoria per conquistare i punti mancanti alla matematica certezza dei playoff – spiega mister Francesco Battistini – Essere riusciti a guadagnare una posizione ci rende ancor più felici perchè più in alto si arriva e più vantaggi si possono sfruttare in sede di spareggi. Fino a questo momento ci sono stati tanti scontri diretti e tanti ce ne saranno anche nell’ultimo turno. Dove arriveremo in classifica lo sapremo solo la sera del 27 aprile».

I dorici occupano il terzo posto con 38 punti e sperano in un sorpasso sul Cus Molise secondo della classe con 40 punti: «Loro giocheranno a Corinaldo e troveranno una buonissima squadra che vuole la posta in palio per la salvezza. Noi, dal canto nostro, saremo impegnati in uno scontro suggestivo a Lucrezia con chi ha meritato di vincere questo girone. Proveremo a sorpassare ma non dipenderà solo da noi. La cosa importante, ora che abbiamo raggiunto l’obiettivo, è tenere alta la concentrazione perchè inizierà un altro minicampionato».

In questo momento il Cus Ancona sta bene e i giocatori vivono un momento di forma invidiabil. «In casa giochiamo particolarmente bene perchè il clima del Palacus ci fa esprimere al meglio probabilmente. La vecchia guardia in campo sta facendo benissimo e non è poca cosa. Voglio esprimere la mia felicità anche per il contributo determinante dei nuovi e dei giovani. Siamo un bel gruppo».