Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

La Fipav rinnova i vertici provinciali delle Marche, ecco i nomi

Dopo le elezioni dei comitati territoriali, nel prossimo weekend le società di pallavolo eleggeranno il nuovo presidente della Federazione

Il CT della Fipv di Ancona

ANCONA – La pallavolo ha eletto i vertici dei comitati territoriali, un rinnovamento delle cariche che tuttavia è stato all’insegna della continuità per un movimento che ha bisogno di nuova linfa. Ecco i nomi dei presidenti scelti dalle assemblee provinciali delle società affiliate:

CT Ancona – Francesco Leoni che ha battuto Antonio De Luca al ballottaggio
CT Pesaro – Giancarlo Sorbini che ha vinto il ballottaggio su Gianluca Sorcinelli
CT Macerata – Tiziana Ferretti che succede a Roberto Cambriani
CT Ascoli/Fermo – Fabio Carboni al 3’ mandato

Nel comitato territoriale di Ancona il nome di Francesco Leoni è una vecchia conoscenza. È già stato consigliere per molti anni. A coadiuvarlo avrà Claudio Principi dirigente di Camerano e storico organizzatore dei tornei internazionali di pallavolo giovanile “Easter Volley” e “Volleurhope” che sarà anche vice presidente. Quindi l’ex nazionale Andrea Bari, Stefania Maiolatesi Responsabile del Settore Giovanile della Clementina 2020, Mario Orsini di Offagna, Roberto Provinciali allenatore della Sabini Castelferretti e Simone Montevecchi, DS di Ostra.

«Sto vivendo una situazione emotivamente impegnativa e sono felicissimo per il fiume di messaggi di congratulazioni che sto ricevendo dal momento della mia elezione a Presidente del CT di Ancona – ha detto Leoni –. In attesa del formale passaggio di consegne un ringraziamento sincero va a “tutte” le nostre società che sarà mio orgoglio rappresentare e supportare».

Nel weekend si eleggerà il Comitato Regionale con Fabio Franchini di Pesaro candidato unico. In lizza per il ruolo di consigliere ci sono: Bruno Bilò, Roberto Cambriani, Giuseppe Cupelli, Giampiero Freddi, Massimo Gabbanelli, Marco Mantile, Maurizio Medico, Roberto Paradisi, Andrea Pietroni.

Al nuovo comitato regionale così come ai comitati territoriali il compito di ascoltare la voce delle società ed interpretarne il grido d’allarme con misure adeguate ai tempi drammatici che viviamo nei quali l’aspetto sociale e formativo del fare pallavolo, soprattutto per i giovani, va tutelato.