Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Fioretto e Spada hanno animato il PalaCesari

Il Club Scherma Fabriano ha ospitato il Campionato Regionale a squadre per la Categoria Under 14: trenta team (per oltre sessanta atleti) hanno caratterizzato l'evento svoltosi domenica

Il presidente del Coni Marche (Fabio Luna) ha presenziato alle premiazioni

FABRIANO – Il Campionato Regionale a squadre disputato a Fabriano domenica 21 ottobre ha avuto un ottimo riscontro tecnico com trenta team presenti per oltre sessanta atleti nelle discipline del fioretto e della spada, nelle categorie Under 14.

Si inizia al mattino alle 9 e subito si entra nel vivo degli assalti del fioretto femminile. Per la società di casa, il Club Scherma Fabriano, Francesca Mita e Giulia Rita Barocci, insieme a Lucrezia Monti di Pesaro, superano le bravissime squadre di Jesi e Senigallia, e affrontano in finale le ragazze del Club Scherma Ancona. La prova di Giulia Rita, Lucrezia e Francesca è stata superlativa perché le ha viste superare atlete di Club molto più titolati, chiudendo il loro entusiasmante torneo al secondo posto.

Al quinto posto, su sette, terminano invece Ludovica Carloni, Eleonora Ljuba Gubinelli e Alice Armezzani, nel torneo riservato alle Ragazze/Allieve che ha visto prevalere le atlete di Jesi (fra cui Angelica Rossolini e Sofia Giordani, “nate” nel Club di Fabriano) nell’ordine su Pesaro e Ancona. Nel Fioretto maschile dominio del Club Scherma Jesi – al primo e terzo posto del podio – sia nella categoria Maschietti/Giovanissimi che nei Ragazzi/Allievi.

Nel pomeriggio sono scese in pedana le “ragazze terribili” della Spada nella gara che ha regalato più emozioni di tutte e che ha coinvolto e appassionato il numeroso pubblico presente sugli spalti del PalaCesari di Fabriano. Di fronte, le forti squadre di Fano, Fermo e di Fabriano che ha cercato di confermare il titolo regionale conquistato nel novembre 2017. Le fabrianesi Camilla Teodosi, Eleonora Ljuba Gubinelli e Alice Armezzani, con Ludovica Carloni, si sono aggiudicate entrambi gli assalti e in finale se la sono poi vista con il Club Scherma Fermo guidato da una super Columpsi, capace di rimonte impossibili. La finale è stata avvincente, con le fabrianesi che prendono un buon margine di vantaggio, poi il recupero di Fermo che sfiora quasi il successo. Ma alla fine Alice Armezzani ritrova la grinta necessaria per piazzare le ultime tre stoccate decisive ed è tripudio fra il numeroso pubblico presente, anche per l’alta qualità della scherma offerta.

Nel corso della intensa giornata sono intervenute molte personalità ad assistere e premiare gli atleti in gara: il presidente regionale F.I.S. Stefano Angelelli, il presidente del Coni Marche Fabio Luna, l’assessore allo sport del Comune di Fabriano Francesco Scaloni e Luciano Bano che ha premiato il Club Scherma Fabriano, felice di vedere sul gradino più alto il marchio Avis Fabriano di cui è presidente.

«Un ringraziamento a tutti gli atleti e i tecnici, fra cui Giovanna Trillini, per aver fatto assaggiare a Fabriano l’antico sapore della scherma – commenta il presidente del Club Scherma cartaio, Giancarlo Camilli Meletani. – Un grazie anche al medico sociale dottor Elio Palego per l’assistenza prestata in gara e i maestri Michele Zanella, Felicita Cetrullo e Filippo Maria Triccoli che hanno guidato le squadre a bordo pedana».