Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Fermana, pari senza sussulti nel derby del “Recchioni” con il Fano

Finisce 0-0 senza troppi rimpianti il derby tra i canarini ed il Fano dell’ex mister Flavio Destro. La Fermana ci ha provato di più senza pungere troppo in avanti, trovando un Fano solido e attento

Fermana-Fano 0-0, le due squadre al centro del campo prima del fischio d'inizio

FERMO- C’era molta attesa nel derby tra Fermana e Fano, due squadre ora in salute, dopo un avvio molto stentato da parte di entrambe. La prima infatti è tornata a far punti dopo essere riuscita ad inserire tutti i nuovi nell’organico e trovare una buona quadratura difensiva, la seconda invece, grazie all’approdo dell’ex tecnico canarino Flavio Destro, che ha già dato la cosiddetta scossa alla squadra sfiorando una clamorosa vittoria nella gara d’esordio con la capolista Südtirol, sembra aver iniziato un nuovo campionato.

In un “Recchioni” ancora una volta desolatamente vuoto, le squadre si sono affrontate a viso aperto, con la Fermana che ha cercato di fare la gara, mettendo grande impegno ed ardore agonistico, senza però trovare mai il guizzo vincente. Di fronte, il Fano si è dimostrato molto attento, senza particolari sbavature, che ha cercato, quando ha potuto, di mettere in difficoltà la retroguardia gialloblù. Da segnalare, per i padroni di casa, le conclusioni di Neglia, Raffini e Manetta, e quelle di Marino e Barbuti per i granata. La gara si è poi trascinata lentamente verso il ’90 con ritmi sempre più blandi, con il gioco spesso spezzettato da falli tattici. I cambi nel finale non cambiano l’inerzia del match. In classifica, la Fermana raggiunge quota 9 punti a pari merito con il Ravenna, mentre il Fano rimane penultimo a quota 4. Fanalino di coda è sempre l’Arezzo, a quota 3, fermato anche oggi dall’emergenza Covid, con la gara interna prevista con la Sambenedettese, rinviata a data da destinarsi.

Fermana-Fano 0-0, un momento della gara

Questo il tabellino della gara del “Recchioni”:

FERMANA-FANO 0-0

FERMANA (4-3-1-2): Ginestra; De Pascalis, Manetta, Scrosta, Mordini; Iotti (41’ st Liguori), Grossi (41’ st Manzi), Staiano; Neglia (46′ st Palmieri); Cognigni, Raffini (35’ st Boateng) All. Antonioli

FANO (4-3-1-2): Meli; Paolini, Di Sabatino, Cargnelluti, De Vito; Parlati (41’ st Scimia), Amadio, Carpani; Marino; Barbuti, Baldini (14’ st Ferrara) All. Destro
ARBITRO: Collu di Cagliari

NOTE: gara a porte chiuse. Ammoniti Staiano, Cargnelluti, Barbuti, Scrosta, Di Sabatino. Recupero 0 + 3

Queste le parole di mister Antonioli al termine della gara: «Siamo partiti bene, abbiamo avuto due occasioni, purtroppo non siamo riusciti a sfruttarle, probabilmente sarebbe cambiata la partita. Con il passare dei minuti, loro si sono organizzati e dopo è diventato tutto più difficile, per tutte e due le squadre, con poche occasioni da ambo le parti. Abbiamo cercato di dare il massimo sfruttando anche le due torri che avevamo in campo, ma non siamo riusciti a dare la stoccata giusta. Credo che abbiamo dato tutto in campo, purtroppo non siamo riusciti a vincere. Sapevamo che il Fano era una squadra che concedeva poco spazio, aggredendo molto in mezzo al campo. Volevamo evitare la loro aggressione, cercando di scavalcarla, ma non ci siamo riusciti. Ci tenevamo a vincere, è anche vero che non dovevamo assolutamente perdere, per tenere un’altra squadra che lotta per la salvezza come noi a debita distanza. Accettiamo comunque il punto, anche perché credo che sostanzialmente sia un pareggio giusto».