I Bad Boys Fabriano in salute sfidano i forti 88ers Civitanova

Nel campionato di serie D, la giovane formazione cartaia (4 vittorie di fila) affronta i primi della classe (12 succesi consecutivi). «Un bel banco di prova per verificare il processo di crescita dei nostri ragazzi», dice il coach fabrianese Rapanotti

I Bad Boys Fabriano, team giovane in serie D di basket

FABRIANO – Interessante match in arrivo nel campionato di serie D di basket. Domani, venerdì 22 marzo (ore 21.30), alla palestra Mazzini di Fabriano si affrontano i Bad Boys Fabriano e gli 88ers Civitanova, due squadre in salute e che giocano un buon basket, anche se posizionate in fasce diverse della classifica.

«Sarà un po’ come il confronto fra Davide e Golia, ma noi ci proveremo lo stesso», annuncia alla vigilia l’allenatore dei Bad Boys Fabriano, Christian Rapanotti.

La classifica, infatti, dice che i civitanovesi sono primi in graduatoria con 34 punti e vengono da dodici successi di fila, i fabrianesi sono undicesimi a quota 16 ma sono reduci da un bel periodo di forma caratterizzato da quattro vittorie consecutive.

«Da quando abbiamo modificato l’assetto della squadra, tornando a puntare su un organico esclusivamente composto da giocatori “under” in collaborazione con la Basket School Fabriano, abbiamo trovato una migliore quadratura e, grazie anche ad un calendario alla portata, abbiamo ottenuto quattro successi di fila – prosegue la disamina l’allenatore dei Bad Boys Fabriano -.

Insomma, siamo in salute e desiderosi di confrontarci con una squadra come Civitanova che, pur facendo la serie D, ha un organico di categoria superiore per fisicità, esperienza e talento. Affronteremo la partita con tanto entusiasmo, ci stiamo preparando bene e alla fine dei quaranta minuti vedremo se riusciremo a portare a casa i due punti o comunque a giocare una buona partita. Per i miei ragazzi, infatti, innanzitutto questo è un banco di prova per valutare il processo di crescita e maturazione, che in assoluto resta il primo aspetto del nostro progetto. Se poi riusciremo a coronare questa stagione con la salvezza sul campo senza passare per i play-out, sarebbe ancora meglio. Ma per farlo dobbiamo vincere tutte e tre le partite di “regular season” che restano, a cominciare da quella di domani. Noi ci proveremo».