Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Eccellenza o Promozione? Intanto il Sassoferrato Genga si affida al nuovo mister Diego Marinelli

Il direttore generale Cristian Appolloni: «Aspettiamo il Consiglio Federale per sapere se davvero saremo l’unica squadra di tutte le Marche a retrocedere… In ogni caso programmiamo il futuro»

Da sinistra: Diego Marinelli (nuovo allenatore del Sassoferrato Genga), Angelo Ruggeri (direttore sportivo) e Andrea Marinelli (nuovo vice allenatore)

SASSOFERRATO – Il Sassoferrato Genga attende il Consiglio Federale del 25 giugno per sapere “ufficialmente” se sarà l’unica società delle Marche – tra tutte la categorie regionali di calcio! – ad essere condannata alla retrocessione in questo stranissimo 2020 caratterizzato dall’emergenza Covid-19. 

«Non neghiamo che ci sarebbe tanto rammarico in noi se ciò venisse confermato, sarebbe qualcosa da record, da scrivere negli annali… – mastica amaro Cristian Appolloni, direttore generale del club sentinate –. E’ vero, eravamo ultimi in Eccellenza: lo dico sinceramente, avremmo accettato di buon grado la retrocessione se fosse stato usato un metro uniforme. Invece, dall’Eccellenza in giù, sembra proprio che a retrocedere sarà solo il Sassoferrato Genga, per il resto tutti salvi. Incredibile».

Il club sentinate, tra l’altro, non potrebbe neanche fare domanda di ripescaggio in Eccellenza, poiché ne ha già usufruito due anni fa. Quindi, per sperare ancora nella partecipazione al massimo campionato regionale, non resta che attendere le decisioni del Consiglio Federale di giovedì.

Nel frattempo, però, Eccellenza o Promozione che sia, il Sassoferrato Genga non è rimasto con le mani in mano. «Comunque vada, abbiamo deciso di dare il via ad un nuovo corso tecnico – prosegue Appolloni –. Le ultime stagioni hanno rappresentato qualcosa di storico per la nostra società e il nostro territorio, con l’escalation di promozioni (con Azzeri e Ricci al timone, nda) fino all’Eccellenza, raggiunta per la prima volta nel 2018. Ma quel ciclo si è sostanzialmente concluso e ci è sembrato necessario ripartire da zero, con un programma e nuovi stimoli per tutti. Con mister Sergio Spuri, che è uomo di calcio, abbiamo raggiunto in modo consensuale la conclusione del rapporto. E abbiamo affidato la panchina a Diego Marinelli, che avrà sua fratello Andrea come vice».

Gengarino, classe 1977, bomber di razza da giocatore con trascorsi fino in C2 al Gubbio, Diego Marinelli ha riposto le scarpette tre anni fa, dopodichè ha allenato il Pioraco in Prima Categoria. 

«Lo abbiamo ritenuto la persona giusta, rispondente a tutte le caratteristiche di tecnico che cercavamo – dice Appolloni –. È del posto, conosce il nostro ambiente, ha tanta esperienza come giocatore anche a livello superiore, ora ha grandi motivazioni per emergere come allenatore. La squadra? Che sia Eccellenza o che sia Promozione, il nostro budget è lo stesso, l’obiettivo è puntare su un gruppo a forte matrice locale, cercando di pescare anche dal settore giovanile».