Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Eccellenza, l’Urbania cambia in panchina: via Sartini, arriva Tasso. Il Fossombrone in campo per la Coppa

Il sodalizio biancorosso scuote l'ambiente dopo una serie di prestazioni poco brillanti. Nel frattempo, inizia il cammino nazionale dei biancoazzurri

Uno scatto di Urbania-Biagio Nazzaro (fonte ufficio stampa Urbania)

ANCONA – Stiamo entrando nella fase clou della stagione di Eccellenza Marche e le settimane diventano sempre più bollenti. Specialmente per Urbania e Fossombrone, ora più che mai, per motivi completamente differenti.

L’Urbania ha esonerato da poche ore mister Davide Sartini, chiamando al suo posto Renzo Tasso. Il nuovo tecnico ha iniziato la carriera da allenatore nel 2010 con il Bastia (Eccellenza umbra), dopo anni di professionismo da calciatore e di alcune stagioni sulla panchina delle giovanili nazionali del Gubbio. Nel 2014, inizia il suo percorso come vice di Giovanni Cornacchini, affiancandolo in Serie C con Ancona e Viterbese. Nel 2019, trascina il Fabriano Cerreto alla finale playoff, superando in semifinale proprio l’Urbania. L’anno successivo vince il campionato di Eccellenza umbro con il Tiferno. Oggi – martedì 8 marzo – dirigerà il suo primo allenamento. Caso vuole che domenica 13 debutterà in trasferta, proprio sul manto del Fabriano Cerreto.

COPPA – Domani 9 marzo comincia il cammino nazionale in Coppa Italia Eccellenza del Fossombrone, che mette in palio il balzo di categoria. I biancoazzurri riproveranno l’impresa, dopo che nel 2020 vennero interrotti a causa del Covid. Capitan Cecchini e compagni due anni fa vinsero l’andata degli ottavi di finale, il ritorno non venne però disputato. Domani alle 18.30 parte una nuova avventura al Comunale, ospite di turno l’Angelana, sodalizio umbro.

Il tecnico del Fossombrone, Michele Fucili, avverte: «Affrontiamo una squadra molto fisica. Dispongono di una rosa lunga, di spessore, costruita sfruttando il fatto che in Umbria si gioca con solamente due fuoriquota titolari. Hanno qualità in attacco, Ventanni e Benedetti sono due giocatori da tenere sott’occhio. Noi arriviamo a questa gara con entusiasmo, non capita spesso di giocare un ottavo di finale. Dovremo essere bravi a fare la nostra partita, tenendola aperta, ricordandoci che si giocherà in 180 minuti».

Il ritorno verrà disputato mercoledì 16 marzo, a campi invertiti, e vige la regola dei gol in trasferta. Fucili domani non potrà contare sicuramente su Camilloni, espulso nella finalissima regionale, ma non sarà l’unico grande assente. Le condizioni di Zingaretti, Riccardo Pandolfi, Conti e Bucchi preoccupano e la loro presenza è in forte dubbio. Marongiu è a disposizione.