Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Cus Ancona, mister Battistini: «Ci preme conoscere le scadenze future»

Il tecnico dei dorici che militano in serie B ha espresso le sue priorità circa il consiglio della Divisione Calcio a 5 che si svolgerà nella giornata odierna. Resta da chiarire anche cosa succederà con promozioni e retrocessioni

Mister Francesco Battistini, Cus Ancona

ANCONA- Oggi, in videoconferenza, si terrà il consiglio direttivo della Divisione Calcio a 5 dopo le proposte emerse dal consiglio della Lega Nazionale Dilettanti di venerdì scorso. In attesa di capire come, effettivamente, si concluderanno le stagioni nel mondo del Futsal il tecnico del Cus Ancona (serie B) Francesco Battistini ha espresso le sue priorità:

«Quello che più ci preme non è tanto sapere i verdetti, ma sopratutto le scadenze riguardo la prossima stagione, quando sarà possibile effettuare i tesseramenti, il numero degli stranieri e tutta la questione dei fuori quota sia in prima squadra che nell’under 19. Aspetti mi auguro siano definiti e decisi nella maniera più celere possibile proprio per dare modo alle società di potersi organizzare». C’è inoltre da capire come si evolverà il discorso inerente promozioni e retrocessioni. E non sarà un discorso semplice come confermo lo stesso mister anconetano:

«È un passaggio piuttosto complicato, alcuni gironi anche in serie B sono in numero dispari, non tutte le squadre possono vantare lo stesso numero di partite. Come se non bastasse ci sarà da decidere il destino della squadra vincitrice dei playoff che ovviamente non sono stati e non saranno disputati. In serie B a questa appendice di campionato avrebbero dovuto partecipare 40 squadre a livello nazionale. Per quanto riguarda il Cus Ancona da tempo ci abbiamo messo una pietra sopra, resta l’amarezza per il fatto che eravamo in corsa per il primo posto, i playoff li avevamo già conquistati, ed eravamo riusciti ad accedere alla fase finale della Coppa Italia. Guardare al passato non serve a nulla, la voglia è quella di ricominciare, ecco perchè sarà fondamentale avere quanto prima regole precise sul come muoversi sia per la prima squadra che per l’under 19».