Vigor contro l’Atletico Ascoli: ecco l’identikit dell’avversaria

Andiamo allora a conoscere meglio l'avversaria dei rossoblu, l'Atletico Ascoli. Mister Massimiliano Guiducci da una parte, il tecnico Stefano Filippini dall'altra. E, sulla pagina Facebook del club ascolano, campeggia la parola «Riconquistiamola»

Si avvicina lo spareggio playoff che domenica 19 maggio vedrà di fronte FC Vigor Senigallia e Atletico Ascoli. Si giocherà a Tolentino, allo stadio della Vittoria alle 16:30 ed atteso un gran pubblico sugli spalti, sia da una fazione che dall’altra.

La Vigor si sta preparando al meglio a questa sfida che vale una stagione intera: chi vince vola in Eccellenza, nel massimo campionato regionale. E andiamo allora a conoscere meglio l’avversaria dei rossoblu, l’Atletico Ascoli.

Sulla pagina Facebook del club campeggia la parola “Riconquistiamola”, proprio perché lo scorso anno militava in Eccellenza col nome di Ciabbino. Furono però fatali i playout e ora la squadra ascolana vuole tornare in alto.

In questa stagione han chiuso la regular season al secondo posto del girone B con 55 punti, arrivati grazie a 16 vittorie, 7 pareggi e 7 sconfitte. Sono 59 gol segnati e 38 subiti. E la Vigor? Ben 71 punti conquistati nel girone A (16 punti di differenza con la rivale), frutto di 21 vittorie, 8 pareggi e una sola sconfitta. Sono 61 i gol fatti e solo 17 quelli subiti (miglior difesa di entrambi i gironi).

Per quanto riguarda i playoff, la Vigor li ha saltati avendo staccato le rivali con un gap superiore ai 10 punti, mentre l’Atletico Ascoli li ha affrontati battendo HR Maceratese (2-1) e Civitanovese (3-1 ai supplementari).

Mister Massimiliano Guiducci da una parte, il tecnico Stefano Filippini dall’altra. Filippini è arrivato ad Ascoli nella passata stagione in Eccellenza dopo aver guidato Porto d’Ascoli per cinque stagioni consecutive e Monticelli dal 2010 al 2012.

Si preannuncia una sfida molto equilibrata anche a giudicare i singoli. Nelle fila dell’Atletico ci sono infatti talenti come Juri Iachini, figlio del noto allenatore, ma anche Coccia, Tedeschi, Giovannini e Gassama. Basti pensare che gli ultimi due elementi citati hanno totalizzato 21 reti nella stagione regolare.