Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Calcio Serie C, domenica amara per Fano e Vis Pesaro

I granata cadono in casa contro il Modena. I biancorossi crollano malamente ad Arezzo per 4-2 riaprendo il discorso salvezza

Fano e Modena in campo

Una giornata da dimenticare in casa Alma Juventus Fano e Vis Pesaro. I granata di mister Alessio Tacchinardi incappano nella prima sconfitta con alla guida il suo nuovo allenatore, mentre i pesaresi crollano pesantemente in quel di Arezzo.

Il Fano cade in casa contro il Modena per 1-0 non riuscendo a trovare la via del gol. La formazione gialloblu si porta in vantaggio al 26esimo del primo tempo con la rete di Ingegneri dopo un infinito batti e ribatti dentro l’aria granata. Nel secondo tempo il Fano ha la ghiotta occasione dal dischetto per pareggiare ma Barbuti sbaglia il calcio di rigore. Ora il Fano, complice la vittoria del Legnago, torna al diciassettesimo posto in classifica ed è sempre a 6 punti di svantaggio dalla Vis.

Una Vis Pesaro che oggi pomeriggio, ad Arezzo, è crollata clamorosamente per 4-2. I biancorossi hanno iniziato la partita nel peggiore dei modi e dopo nove minuti si sono ritrovati sotto dopo il calcio di rigore trasformato da Cutolo. Il raddoppio dei padroni di casa arriva poco prima della mezz’ora del primo tempo. Al minuto 28′ Carletti è bravo a sfruttare l’assist del solito Cutolo e a realizzare il 2-0. La Vis reagisce. Al 36′ viene fischiato rigore per i biancorossi. Dal dischetto va Cannavò che sbaglia ma, nella ribattuta, viene atterrato da Luciani ed è nuovamente calcio di rigore. Questa volta dagli undici metri si presenta Di Paola che realizza mettendo il pallone all’angolino.
Non passano nemmeno 2 minuti però e l’Arezzo trova il 3-1 grazie al gol di Benucci che spara un pallone all’incrocio dei pali. Nella ripresa i padroni di casa mettono il sigillo al 55′ con Carletti che trova la sua doppietta personale. Il gol del 2-4 per la Vis che serve a rendere meno amaro il passivo arriva al novantesimo con Pannitteri. Bel cross di Germinale per Giraudo, che cicca e libera involontariamente Pannitteri sul secondo palo dove è bravo a insaccare.