Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Serie C, occhi puntati sul match Ancona Matelica-Olbia. Il centrocampista Delcarro: «Noi ci crediamo»

Il centrocampista biancorosso che sta vivendo un momento positivo sia a livello personale che di squadra, si racconta. Dopo l'infortunio e il gol segnato contro il Siena che ha impresso una svolta positiva alla sua stagione, ora testa al prossimo impegno contro l'Olbia

Il centrocampista dell'Ancona Matelica Andrea Delcarro durante la partita dell'andata con l'Olbia (foto ufficio stampa Ancona Matelica)

ANCONA- I suoi gol non sono mai banali. Come contro il Siena, che diedero inizio al ribaltone dopo lo 0-2 iniziale, o come quello di domenica a Pesaro realizzato dopo essere partito da centrocampo ed avere scartato mezza difesa avversaria. Il centrocampista dorico Andrea Delcarro, finora 4 gol, si gode il momento positivo, suo e della squadra, in attesa di esser ancora protagonista al Del Conero contro l’Olbia, domenica 1 Maggio, ore 18.

Delcarro, è un buon momento per lei? Anche sul piano personale visto il gol di Pesaro…
«Mi sono liberato lo spazio nelle linee e ricevuto una bella palla da Masetti. A quel punto ho accelerato e grazie ai movimenti dei compagni sono arrivato al limite e calciato forte sotto la traversa. Sono contento per la rete ma soprattutto per aver dato il via alla vittoria della squadra. Anche se il gol più bello di quest’anno è stato contro il Siena perché venivo da un momento particolare dopo l’infortunio. È stata una liberazione, mi ha dato forza e fiducia e mi ha fatto svoltare in positivo la stagione».

Quella fiducia che sia mister Colavitto che i compagni le hanno accordato.
«Ringrazio il mister che mi ha sempre fatto sentire importante, facendomi recuperare al meglio dopo l’infortunio, dandomi anche la fascia di capitano. La sua fiducia è stata importante. Così come quella dei compagni che ho sempre aiutato, come è nel mio carattere».

Credeva di poter arrivare nei playoff?
«Francamente ci contavo ad inizio stagione. Abbiamo iniziato carichi e concentrati con la ferma intenzione di stupire. Poi sono arrivati i successi, il bel gioco, la salvezza e ora questi spareggi dove vogliamo fare bene. Personalmente sono solo dispiaciuto per l’infortunio patito. Senza, avrei ancora potuto dare di più».

Peccato che spesso non ci sia stata continuità nei risultati…
«Diciamo che nell’arco di una intera stagione sono cose che ci stanno ed è fisiologico avere cali, dettati anche dalla giovane età complessiva della squadra. Ma abbiamo fatto un bel percorso di crescita e finito la regular season in maniera positiva. Ora si tratta di continuare».

Domenica 1 maggio arriva l’Olbia, battuta sia in casa che in trasferta nella stagione regolare, come vede la partita?
«Il passato, nei playoff, non conta nulla. Sono un campionato a parte, tutto viene azzerato. L’Olbia ha giocatori importanti, per noi è come una finale. Speriamo di vincerla per prendere slancio anche nelle successive partite. Anche perché possiamo contare sulla grande spinta dei nostri tifosi. In carriera non ho mai avuto un pubblico così passionale alle spalle, per il mio carattere è determinante».

Come ha vissuto il trapasso societario degli ultimi tempi?
«In maniera assolutamente tranquilla. Anche perché lo staff rimasto con noi è sempre stato lo stesso. Penso che l’entusiasmo portato dal nuovo patron possa essere importante per l’Ancona del futuro».

Delcarro pensa di ritagliarsi ancora un ruolo nell’Ancona di domani?
«Sono in scadenza di contratto, anche se ancora non ci penso, visto che sono concentrato su questo finale di stagione. In ogni caso sto bene ad Ancona, mi sono integrato con l’ambiente, assieme alla mia compagna Carlotta che fra un paio di mesi mi renderà padre, e spero proprio di rimanere. Vedremo quali saranno le intenzioni della società ma da parte mia c’è la massima disponibilità a ripetere questa bella esperienza».

Tutti disponibili in vista del match con l’Olbia. Nelle ultime ore si è discusso anche del futuro di mister Colavitto. Al tecnico di Pozzuoli è stato proposto un contratto biennale, ma ancora le parti non hanno trovato l’accordo sul piano economico.