Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Samb, c’è la fumata bianca: l’imprenditore Roberto Renzi è il nuovo proprietario

A vuoto il tentativo del favorito Kim Dae Jung, superato in extremis dal rilancio dell’immobiliarista laziale, che ha acquisito la Sambenedettese Calcio per 540 mila euro

Il nuovo proprietario della Samb Roberto Renzi all'uscita dal notaio Caserta

SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Si attendeva con ansia la nuova asta fallimentare dopo il nulla di fatto di mercoledì 19 maggio, in cui l’unico presente Kim Dae Jung non era riuscito a presentare la corretta documentazione per rilevare la Sambenedettese. Nonostante il favorito fosse sempre l’imprenditore coreano, nelle ultime ore aveva già preso quota l’interesse dell’immobiliarista laziale Roberto Renzi, che si era avvicinato alle sorti del sodalizio rossoblù. Davanti al notaio Caserta così, oltre ai curatori Pulcini, Voltattorni e Zazzetta, si sono presentati nella tarda serata di lunedì 24 sia Kim Dae Jung che Roberto Renzi, manifestando ognuno il proprio interesse. Renzi ha presentato per primo l’offerta di 500 mila euro, al quale il gruppo di Kim ha risposto con quella di 520 mila. Il rilancio definitivo, quello di 540 mila euro, è stato però messo a segno da Roberto Renzi che ha visto l’aggiudicazione finale della proprietà rossoblù e forse, chiuso una volta per tutte un’assurda vicenda iniziata praticamente da inizio stagione ma esplosa come una bomba ad orologeria nel finale di campionato, coinvolgendo città, ambiente e squadra tutta.

Il nuovo proprietario, lasciando lo studio del notaio Caserta con la sciarpa della Samb al collo, ha voluto commentare così la sua scelta, quella di voler scendere al fianco della società rossoblù, prima della sua fine: «Ho dimostrato la volontà di prendere la squadra. Il mio primo rilancio è stato 500 mila. Io volevo la squadra e l’ho avuta». E a chi gli ha chiesto se ripartire dalla serie C o meno, l’imprenditore, con fermezza, ha risposto lapidario: «Avete visto mai uno che spende 540 mila euro per andare in promozione?».

Lo stadio “Riviera delle Palme” che dovrebbe ancora ospitare la Samb in LegaPro

Ora ci saranno da espletare tutte le attività amministrative al fine di salvare il titolo sportivo e saldare le vecchie pendenze poi, se tutto andrà come previsto, si inizierà a pensare, finalmente, al calcio giocato. Quello che conta è, come sembra, aver salvato la storia gloriosa della società, che non meritava di finire in modo così indegno. Ambiente e tifoseria stanno ora tirando finalmente un sospiro di sollievo, dopo mesi da incubo. Nei prossimi giorni vedremo gli sviluppi di quanto accaduto.

Questi intanto i risultati dei Play-Off: Matelica-Renate 1-1, Pro Vercelli-Südtirol 2-1, AlbinoLeffe-Modena 0-1, FeralpiSalò-Bari 1-0 e Palermo-Avellino 1-0. Da giocare le gare di ritorno. Subentreranno poi, per sfidare le vincenti, Alessandria, Padova e Catanzaro, seconde classificate nei rispettivi gironi. Queste invece le gare dei Play-Out: Ravenna-Legnago Salus 0-1 e 0-3, Fano-Imolese 0-0 e Bisceglie-Paganese 2-1 e 2-3. Retrocedono così in serie D Ravenna e Bisceglie. Da giocare ancora la gara di ritorno Imolese-Fano.