Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Lelli si ripresenta: «L’Anconitana una scelta di puro istinto»

Il tecnico anconetano subentrato ad Umberto Marino è stato presentato ieri al Del Conero prima di dirigere il suo primo allenamento. Con lui il presidente Stefano Marconi e il Vicepresidente Robert Egidi

Marco Lelli
Il tecnico Marco Lelli con il presidente Marconi e il vicepresidente Egidi

ANCONA- Marco Lelli alla guida dell’Anconitana. Dopo l’ufficialità di lunedì sera, al Del Conero, ieri, c’è stato il primo giorno di lavoro del tecnico anconetano subentrato all’esonerato Umberto Marino. Per Lelli si tratta del terzo ritorno sulla panchina dorica dopo le vittorie in Prima Categoria nel ’17-’18 ed Eccellenza nel 2010-2011 sotto le proprietà, rispettivamente, di Stefano Marconi e Andrea Marinelli. Dopo la presentazione alla stampa, il neo mister ha diretto il suo primo allenamento sull’erbetta dell’impianto anconetano conoscendo così i giocatori con i quali condividerà questa ultima parte di stagione. Nel corso della presentazione, accanto a Lelli, c’erano il presidente Stefano Marconi, il vicepresidente Robert Egidi (che ha parlato anche del rinvio della festa per i 115 anni dell’Anconitana in programma alla Mole Vanvitelliana a causa del Coronavirus), il capitano Ivan Visciano e il vicecapitano Cristian Trombetta.

LE VOCI DEI PROTAGONISTI

Marco Lelli: «L’Anconitana è stata una scelta di puro istinto. A questo punto del campionato il calendario conta poco, ogni partita è una finale. Abbiamo un grande potenziale e lo dobbiamo esprimere, devo rasserenare l’animo dei giocatori. Il sistema di gioco? Ho giocato sia con il 4-4-2 che con il 4-3-3, lo adatterò alle caratteristiche dei giocatori. Il mio futuro? Terminiamo questo campionato e poi mi siederò con la società».

Stefano Marconi: «In questo momento avevamo bisogno di certezze, non potevamo più scommettere. Marco è un anconetano come noi, sono convinto che abbiamo tutte le carte in regola per vincere questo campionato. Questa è una scelta per il futuro. Quando ci ho iniziato a pensare? Da una decina di giorni».